L'esordio nel segno di Shakespeare

Firenze: al via giovedì 20 la stagione 2016-2017 del Teatro Cantiere Florida

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
la-produzione-sdd-shakespeare-dead-dreams-ph-andrea-ulivi-rid

La produzione SDD – Shakespeare Dead Dreams (foto Andrea Ulivi)

FIRENZE – Nel 400° anniversario della morte, non poteva che essere dedicato a Shakespeare l’esordio della Stagione 2016-2017 del Teatro Cantiere Florida, che si inaugura giovedì 20 ottobre alle 21 con uno spettacolo di danza del progetto D’ARME – Danza Area Metropolitana realizzato tra Versiliadanza e Company Blu diretta da Alessandro Certini e Charlotte Zerbey/ Residenza Sesto Tram – Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino a cui  da quest’anno si aggiunge la Compagnia Simona Bucci/ Residenza Teatro delle Arti di Lastra a Signa.

Titolo dello spettacolo è «Www. We William’s Women» e vede in scena le tre compagnie con tre diverse coreografie a firma femminile: Simona Bucci presenterà «Frammenti di Lady M.» per l’interpretazione di Sara Orselli e Frida Vannini; Charlotte Zerbey con l’assolo «Will» trae ispirazione per la sua partitura coreografica e sonora dai «Sonetti» del Bardo e Angela Torriani Evangelisti presenta il nuovo allestimento del suo «Così misurerò il tuo amore – A Suggestion», dedicato alla figura di Lady Macbeth. La serata viene presentata in esclusiva per il Teatro Cantiere Florida e fa parte di Prospettiva Shakespeare, primo focus tematico della Stagione dedicato al sommo drammaturgo inglese.

Il progetto dedicato a Shakespeare continua venerdì 21 ottobre, sempre alle 21, con la Compagnia Borderline Danza diretta da Claudio Malangone, che presenterà «Body Moods, Which One Is Yours?» che il coreografo salernitano ha realizzato insieme alla Compagnia: uno spettacolo sui temperamenti umani e le passioni che prevede interazione col pubblico e un inaspettato monologo dall’Otello.

Non ci sarà solo danza, naturalmente, che è solo una delle componenti del mix su cui si è orientata la multiresidenza FLOW. Un centro di una certa importanza per le arti sceniche toscane, che quest’anno si arricchisce della collaborazione con altre realtà teatrali. Le proposte che questa stagione Elsinor Centro di produzione Teatrale, Versiliadanza e Murmuris (che governano la programmazione del Teatro cantiere Florida) offrono al pubblico spaziano dalla sperimentazione al teatro-danza, dalla nuova drammaturgia al teatro canzone, dal teatro di regia al teatro ragazzi.

Trentatre titoli in cartellone: tre nuove produzioni presentate in prima nazionale; due monografie di scena, il suddetto focus su William Shakespeare, il consueto appuntamento con Materia Prima. Tra gli eventi speciali il progetto Scena Libera, che coinvolgerà le compagnie del carcere maschile di Prato e del carcere di Sollicciano.

La stagione di prosa partirà il 4 novembre con «Riccardo III e le regine», la nuova creazione di Oscar De Summa prodotta da La Corte Ospitale: dopo «Amleto a pranzo e cena» e «Un Otello altro», De Summa si misura questa volta con un lavoro corale, che lo vede in scena accanto a Silvia Gallerano, Marina Occhionero, Isabella Carloni.

Si prosegue con giovani compagnie che si stanno progressivamente affermando come importanti realtà del panorama teatrale italiano: gli OHT | Office for a Human Theatre saranno ospitati per ultimare «Project Mercury», in scena il 26 novembre, che prende spunto da un fallimentare progetto americano degli anni ’50 per mandare tredici donne nello spazio. Il 6 dicembre saranno protagonisti i Frigoproduzioni di Francesco Alberici, Claudia Marsicano e Daniele Turconi. Il 2017 si apre con una delle più apprezzate realtà teatrali, osannate dalla critica e dal pubblico, gli Anagoor (10 gennaio) con una conferenza-spettacolo su Giorgione, nella quale la narrazione dell’enigmatica esistenza del pittore di Castelfranco e l’indagine sulla sua produzione artistica sono lo strumento con cui raccontare la Venezia a cavallo tra XV e XVI secolo.

Il multiculturale è di scena con «Storia di un bandito che conquistò il potere» (15 gennaio). Sempre a gennaio, la Fondazione Teatro Metastasio di Prato presenta «Utoya» (20 e 21 gennaio), scritto da Edoardo Erba e diretto da Serena Sinigaglia: qui Arianna Scommegna e Mattia Fabris interpretano tre coppie a vario titolo coinvolte dalla strage, compiuta dal criminale di estrema destra Anders Breivik che il 22 luglio 2011 insanguinò la Norvegia.

A febbraio il Teatro Cantiere Florida ospita i magnifici assoli di due mattatori della scena, Milvia Marigliano, diretta da Peppino Mazzotta nel monologo scritto da Sergio Pierattini (2 e 3 febbraio), e il bravissimo Gennaro Cannavacciuolo, che interpreta i “docu-recital” «Volare. Concerto a Domenico Modugno» (14 e 15 febbraio) e «Yves Montand. Un italiano a Parigi»  (17 e 18 febbraio) accompagnato da musicisti dal vivo.

A marzo, fra i nuovi spettacoli, si segnala una nuova edizione di «Scannasurice», Premio della Critica 2015 come miglior spettacolo,  che nel 1982 segnò il debutto di Enzo Moscato come autore e interprete; ora è diretto da Carlo Cerciello e interpretato da Imma Villa (25 marzo).

In chiusura di stagione una delle più interessanti compagnie toscane, il Teatro dell’Elce, presenta «Il nemico» (20 aprile).

Nutrito anche il cartellone di teatro per ragazzi: oltre alla ormai consueta collaborazione con Le Chiavi della Città, grazie alla quale numerose classi delle scuole primaria e secondaria di prima grado assistono agli spettacoli in matinée, c’è la rassegna Il Florida dei Piccoli, che fra i titoli include «La fiaba della principessa Turandot» (19 e 20 novembre, ore 16.30), «I 4 moschettieri in America» (27 novembre, ore 16.30), «La casa del panda» (29 gennaio).

Tuti i dettagli su www.teatroflorida.it

Teatro Cantiere Florida (via Pisana 111r)

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.