Cosa fare di giorno e di sera

Week End 22-23 ottobre a Firenze e in Toscana: giornata del Teatro, festival, concerti, mostre

di Roberta Manetti - - Cronaca, Spettacolo

Stampa Stampa
Una foto a colori dell'alluvione del 1966, del cui cinquantenario sabato 22 iniziano le celebrazioni ufficiali

Una foto dell’alluvione del 1966, del cui cinquantenario sabato 22 iniziano le celebrazioni ufficiali

FIRENZE

Giornata del TeatroSabato 22 ottobre il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo in occasione proclama la Giornata del Teatro, invitando i teatri a offrire spettacoli e attività gratuite. In regione aderiscono la Fondazione Teatro della Toscana (con «12 ore a teatro»: conferenza di Zygmunt Bauman alle 10.30 alla Pergola, visita al Niccolini alle 16, possibilità di aggiudicarsi biglietti gratis per lo spettacolo di Lavia delle 19.45;  dettagli sul sito del Teatro della Pergola), la Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, con visite guidate gratuite all’Opera di Firenze dalle 10 alle 16.30 (prenotazioni www.operadifirenze.it, già esaurite; la sera il teatro è chiuso), e l’ORT al Testro Verdi (via Ghibellina 99), dove sarà possibile seguire dalle 11.30 alle 13 le prove dell’Orchestra della Toscana che sta preparando la registrazione per il nuovo disco di Sony Classical dedicato a Goffredo Petrassi. Sul podio Daniele Rustioni. Elenco completo su www.beniculturali.it

Alluvione 50° anniversarioSabato 22 ottobre alle 9.30 nella Cappella dei Pazzi in piazza Santa Croce il quartiere 1 con la SPI Cgil – Lega Firenze Q.1 presenta il video «Alluvione 1966. Da Firenze un’eco universale di solidarietà» (74′), documentario che racconta l’alluvione attraverso le testimonianze di chi ne ha vissuto il dramma e mette a confronto i protagonisti d’allora con i giovani fiorentini di oggi. Sono stati, infatti, coinvolti nella narrazione anche gli studenti del liceo Galileo e del Leon Battista Alberti.  Sempre sabato 22 alle 10 in Palazzo Vecchio cerimonia ufficiale di apertura delle celebrazioni del Comune per il cinquantenario.

Inferno RunSabato 22 ottobre, al Parco delle Cascine, c’è «Inferno Run», la corsa più sporca dell’anno. Una 12 km a ostacoli naturali e artificiali: come balle di fieno, fango, corde, funi elastiche e assi di equilibrio, in versione dilettanti e professionisti pronti a sfidarsi per il titolo di campione italiano Mud Run, di cui l’Inferno rappresenta una tappa. Ormai trasformata in un evento adatto anche alle famiglie, tant’è che dall’anno scorso c’è la versione Baby Run. Le iscrizioni alla corsa per bambini e al servizio baby sitter sono obbligatorie e si effettuano online sul sito dell’Inferno Run o direttamente sul posto (info: ). Il costo è di dieci euro per ogni servizio: il ricavato verrà interamente devoluto alla Fondazione Tommasino Bacciotti, che sostiene la ricerca oncologica pediatrica e progetti di accoglienza e supporto alle famiglie con bimbi malati.

Debussy al Maggio – All’Opera di Firenze (Piazzale Vittorio Gui / Viale Fratelli Rosselli) Domenica 23 alle 20 sale sul podio dell’Orchestra e del Coro del Maggio Musicale Fiorentino il cinese Xǔ Zhōng, che dedica quasi tutto il programma a Claude Debussy, eseguendo la «Marche écossaise sur un thème populaire», i «Nocturnes», trittico sinfonico per coro femminile e orchestra L 98 e «La Mer». In mezzo inserisce la prima esecuzione italiana di «Iris dévoilée», composizione del suo connazionale, naturalizzato francese, Chén Qígāng, allievo di Olivier Messaien. Biglietti da 10 a 50 euro in vendita anche online su www.operadifirenze.it

accademia-bizantinaOdissea Bach per gli Amici della Musica – Tre nuove tappe dell’«Odissea Bach» al Teatro Niccolini (via Ricasoli 3) per gli Amici della Musica. Sabato 22 Ottobre alle 16 l’ Accademia Bizantina, complesso di strumenti d’epoca di fama internazionale diretto dal 1996 dal clavicembalista e organista Ottavio Dantone, esegue uno dei monumenti imperituri di Bach: «L’Arte della Fuga BWV 1080». Rimase incompiuta, sospesa sullo sviluppo di un tema costruito sul nome Bach secondo la corrispondenza con le lettere delle notazione tedesca (B=si bemolle, A=la, C= do, H = si). Domenica 23 e Lunedì 24 Ottobre (ore 21) Ottavio Dantone al clavicembalo suonerà, in due parti, le sei Suites Inglesi BWV 806-811. Biglietti: da 12 a 25 euro acquistabili anche on line (prezzo ridotto) su www.boxol.it

Suoni riflessiDomenica 23 ottobre alle 11 in Sala Vanni (Piazza del Carmine) concerto inaugurale del festival «Suoni riflessi», l’unico non preceduto dall’incontro divulgativo del sabato; si intitola «Mozart inedito – i concerti doppi» e svelerà un inedito di Mozart, scritto a Salisburgo e rimasto incompiuto. È una Sinfonia concertante per tre archi e orchestra del 1779 di cui resta solo un ampio frammento del primo movimento. Ricostruita per Suoni Riflessi dal violista Yuval Gotlibovich, è alla prima esecuzioneInsieme vengono eseguiti gli altri due concerti doppi di Mozart (flauto e arpa; violino e viola) dalla Camerata Strumentale di Prato con Luisa Prandina all’arpa, Grazia Raimondi al violino, Alice Gabbiani al violoncello, Mario Ancillotti al flauto, Yuval Gotlibovich alla viola. Biglietti 12 / 8 euro.

Questi fantasmi di Eduardo regia di Marco Tullio GiordanaLa compagnia che fu di De Filippo – Al Teatro della Pergola (via della Pergola 18/30) la Elledieffe, compagnia di Luca De Filippo ora diretta dalla vedova Carolina Rosi, è di scena sabato 22 alle 20.45 e domenica 23 alle 15.45 con la prima nazionale del nuovo allestimento di «Questi fantasmi!», deliziosa tragicommedia di Eduardo de Filippo (da cui nel 1967 fu tratto un film con Sophia Loren e Vittorio Gassman); la regia è di Marco Tullio Giordana. Nel cast ci sono Gianfelice Imparato, protagonista nel ruolo di Pasquale Lojacono, Carolina Rosi (Maria, la moglie), Nicola Di Pinto, Massimo Di Matteo, Giovanni Allocca, Paola Fulciniti, Gianni Cannavacciuolo, i giovanissimi Carmen Annibale, Federica Altamura, Andrea Cioffi, Viola Forestiero. La scenografia e le luci sono di Gianni Carluccio, i costumi di Francesca Livia Sartori, le musiche di Andrea Farri. Pasquale Lojacono ottiene gratis per cinque anni una casa seicentesca di 18 camere con 68 balconi in cambio del compito di sfatare la leggenda che sia infestata dagli spiriti. Ci si trasferisce con l’ignara giovane moglie Maria, che non sa perché il marito si affacci continuamente cantando alle finestre (questa la modalità del suo compito). Alla fine però i racconti del portiere e dei vicini suggestionano il miscredente, cosicché, quando s’imbatte nell’amante della moglie, lo scambia per un fantasma. Da qui un grande assortimento di equivoci, ma a lieto fine. Biglietti da 13 a 34 euro, in vendita anche online.

Un Poyo rojo – Al Teatro di Rifredi (via Vittorio Emanuele II, 303 – 50134 Firenze tel. 055/422.03.61) sabato 22 alle 21 e domenica 23 alle 16.30 gli attori-ballerini-acrobati argentini Alfonso Barón e Luciano Rosso presentano «Un Poyo Rojo», miscela di danza, sport, sensualità, acrobazie e comicità sul tema della seduzione.

Serata per Paolo Poli al Puccini – Al Teatro Puccini (via delle Cascine 41) sabato 22 dalle 17.30 si festeggiano i 25 anni di attività con una serata dedicata a Paolo Poli. Dalle 21 sul palco interverranno Sergio Staino, Paolo Hendel, Alessandro Benvenuti, Katia Beni e Anna Meacci, Maria Cassi, Pino Strabioli, Franca Valeri (in video), David Riondino e con l’accompagnamento musicale di Stefano Negri (sassofono), Marco Poggiolesi (chitarra) e Michele Staino (contrabbasso) e la partecipazione straordinaria del sindaco Dario Nardella al violino. Ingresso libero finoa esaurimento dei posti. www.teatropuccini,it

Handle with care a Palazzo Vecchio – Tra gli ultimi eventi dell’Estate Fiorentina 2016, sabato 22 ottobre alle 18 alla presenza degli artisti e dei direttori delle istituzioni coinvolte viene presentata Handle with care, la nuova ricerca di MASBEDO, duo artistico composto da Nicolò Massazza e Iacopo Bedogni, che coniuga arti visive, pratiche performative, coreografia, letteratura e musica. In Sala d’Arme a Palazzo Vecchio gli artisti ricostruiscono una porzione del loro studio per condividere con il pubblico le fasi preparatorie e di montaggio del nuovo video, interamente dedicato al tema del restauro e della cura delle immagini e realizzato all’interno dell’Opificio delle Pietre Dure in Firenze e del Centro Conservazione e Restauro di Venaria. All’inaugurazione seguirà una performance degli artisti realizzata in collaborazione con il sound designer Davide Tomat, in programma alle ore 19.30, sempre in Sala d’Arme (ingresso libero). Domenica 23 invece a Palazzo Vecchio c’è #LIVEYOURINFERNO, organizzato da Musei Civici Fiorentini e Associazione MUS.E con la collaborazione degli studenti del Liceo Scientifico E. Balducci di Pontassieve (FI) e dell’ISIS Leonardo da Vinci di Firenze: una giornata di cinema rivolta ai giovani, ovviamente ispirata al film «Inferno», nella quale i ragazzi potranno rivivere alcune scene del film ambientate nel Salone dei Cinquecento o nella segretissima scala trecentesca voluta dal Duca d’Atene o in altri luoghi significativi dell’edificio. Tutte le scene verranno riprese dalle telecamere e il video finale sarà poi condiviso sui social network.

Gli Ottoni dell'ORT

Gli Ottoni dell’ORT

Careggi in MusicaDomenica 23 alle 10.30 nell’Aula Magna del Nuovo Ingresso dell’Ospedale di Careggi (largo Brambilla 3, ingresso libero) si esibirà per Careggi in Musica l’ensemble di ottoni e percussioni dell’ORT – Orchestra della Toscana, impegnato in un divertente programma di musiche da film che toccherà autori come Piovani, Williams, Morricone. La formazione è guidata da Donato De Sena, prima tromba dell’ORT e autore degli arrangiamenti. Insieme a De Sena, completano l’ensemble Guido Guidarelli (tromba), Paolo Faggi (Corno), Stefano Bellucci (trombone), Riccardo Tarlini (tuba), Morgan Tortelli (percussioni). La performance sarà completata dalle video proiezioni a cura di Stefania Cacurri. L’iniziativa è organizzata assieme all’Azienda Ospedaliero Universitaria di Careggi. Il concerto verrà replicato a Livorno (Hall al Secondo Piano del Palazzo di Amministrazione degli Spedali Riuniti) alle ore 17 e coincide in questo caso con i festeggiamenti per il Centesimo Concerto dall’inizio della stagione.

Mostre – A Palazzo Strozzi c’è la mostra dell’artista contemporaneo cinese Ai Weiwei, che tanto ha fatto discutere per i gommoni rossi attaccati sulla facciata rinascimentale. Durerà fino al 22 gennaio 2017. Nelle Gallerie degli Uffizi proseguono le mostre temporanee allestite nei vari musei:

Galleria Palatina – In occasione di “Pitti Immagine Uomo 90”, fino al 23 ottobre a Palazzo Pitti c’è la mostra fotografica Karl Lagerfeld. Visions of Fashion, curata da Eric Pfrunder e Gerhard Steidl. Scatti e servizi di moda pubblicati sui più importanti fashion magazine internazionali, con qualche inedito, e foto ispirate alla mitologia classica, realizzate con tecniche varie.
Tesoro dei Granduchi, a Palazzo Pitti – Fino al 2 novembre Splendida Minima. Piccole sculture preziose nelle collezioni medicee: dalla Tribuna di Francesco I de’ Medici al tesoro granducale. Come recita il suo titolo, questa mostra è dedicata ad una particolare classe di manufatti di grande valore artistico e raffinatezza, sebbene di ridotte dimensioni: piccole sculture a tutto tondo in pietre preziose, di epoca ellenistico romana, per secoli al centro dell’interesse collezionistico dei Medici e oggi in gran parte patrimonio del museo del Tesoro dei Granduchi delle Gallerie degli Uffizi. L’ingresso a queste mostre è a pagamento. Si può prenotare attraverso i siti www.galleriaaccademiafirenze.beniculturali.it / www.uffizi.it oppure chiamando il numero telefonico di Firenze Musei 055-294883

Al Museo dell’Opera del Duomo c’è «Donatello e Verrocchio. Capolavori riscoperti», con due sculture di terracotta della Collezione di Peter e Kathleen Silverman (un busto raffigurante San Lorenzo e un rilievo con la Decollazione di San Giovanni Battista). Si entra col biglietto del museo, 15 euro.

È invece gratuita la mostra «Capolavori a Villa La Quiete, Botticelli e Ridolfo del Ghirlandaio in mostra» presso Villa La Quiete (Via di Boldrone 2, Firenze), con opere provenienti per la maggior parte dal Convento di San Iacopo di Ripoli, complesso dell’ordine laico delle Montalve. Tra le opere esposte, L’Incoronazione della Vergine e santi di Sandro Botticelli e bottega, lo Sposalizio mistico di Santa Caterina di Ridolfo del Ghirlandaio e un crocifisso di Baccio da Montelupo. Aperto solo il sabato e la domenica dalle 10 alle 19, fino al 30 ottobre. Per informazioni: 055/2756444.

BAGNO A RIPOLI (FI)

L'Homme Armé

L’Homme Armé

Inizia domenica 23 ottobre nel magnifico e poco conosciuto Oratorio di Santa Caterina delle Ruote a Bagno a Ripoli, che contiene un ricco ciclo di affreschi trecenteschi, la XX edizione de «I Concerti al Cenacolo», la  più longeva rassegna di musica antica in Toscana, organizzata da L’Homme Armé. L’esordio è con «Dolcezza porge e gran diletto», un evento che unisce arte visiva e musica: un’installazione di sculture in ceramica create da Lisa Nocentini dà corpo ad alcuni personaggi e situazioni evocati in un concerto di musiche firmate da Cosimo Bottegari, quasi un “cabarettista rinascimentale”, che ebbe gran successo presso la Corte Medicea sul finire del XVI secolo. Eseguono il liutista Gian Luca Lastraioli e il mezzosoprano Lucia Sciannimanico, che, interagendo con dieci sculture in terracotta policroma che raffirgurano creature mitologiche, deità umanizzate, animali, arcadici pastorelli, sconsolate donzelle, brancaleonici guerrieri e così via, danno vita a un vero e proprio spettacolo teatrale la cui regia e le cui luci sono a cura di John Hoenig.

SESTO FIORENTINO (FI)

Al Teatro della Limonaia (via Gramsci 426, Sesto Fiorentino) sabato 22 ottobre dalle ore 21 per il Progetto Europeo Take Over sul palco principale va in scena «Imago», concerto per corpi e vibrazioni visuali, di e con Gianfranco De Franco, co-prodotto da Teatro Studio Krypton con il sostegno di Murmuris Teatro e Versilia Danza nell’ambito del progetto FLOW – residenza creativa multipla, musiche originali di Gianfranco De Franco, corpi Gruppo M.U.D. (Martina Belloni, Maria Vittoria Feltre, Susanna Iheme, Francesca Valeri), vibrazioni visuali  Massimo Bevilacqua. Dalle 23 nel backstage «Non avresti un attimo per uno sguardo?» a cura di Ateneo del Libero Pensiero (indagine performativa, Live music, danza, live painting). Movimento Federica Bastoni, pittura estemporanea Erika Sambiase, chitarra Matteo Poli, synths Marcello Gori, tromba Giannetto Marcenaro. A seguire Inediti di periferia con Matteo Poli (synths e voce) e Marcello Gori (chitarra e voce), Dalle 24, palco principale Turn on, tune in, drop out. Dj set per libera improvvisazione. Dalle 21 – giardino e foyer del Teatro Visual fac#2. prigioni, a cura di The FactoryPrd video art. Visual. Art installation. Ingresso gratuito, gradita la prenotazione.

CAMPI BISENZIO (FI)

Domenica 23 ottobre alle 20 in piazza Dante il taglio del nastro e il brindisi per l’inaugurazione della statua dedicata a Carlo Monni; alle 21 al Teatrodante Carlo Monni la prima di «I tempi cambiano. C’era una volta l’Acqua Cheta», brillante commedia del vernacolo fiorentino con Sergio Forconi rielaborata dalla penna di Brunetto Salvini, con la regia di Andrea Bruno Savelli. Ingresso allo spettacolo: 12 euro. Info www.teatrodante.it

EMPOLI (FI)

Sabato 22 Ottobre dalle 22 al Bar Antica Gelateria Viti (via Roma 87, ingresso gratuito, informazioni e prenotazioni tavoli 0571 78829) alla blues band di Filippo Bluesboy Barontini si accompagnerà la bellissima voce soul di Lucia Sargenti. Se l’organista di Aretha Franklin, sentendola cantare, le aveva detto di restare negli USA…

FIRENZUOLA (FI)

Domenica 23 «Dal bosco e dalla pietra». XXI mostra mercato del marrone e della pietra lavorata, con padiglioni gastronomici.

MARRADI (FI)

A Marradi domenica 23 Sagra delle castagne, con gran dispiego di specialità culinarie che prevedono castagne e marroni tra gli ingredienti.

RONTA (Borgo San Lorenzo – FI)

A Ronta sabato 22 e domenica 23 Sagra della polenta e delle castagne.

LIVORNO

Gli Ottoni dell'ORT

Gli Ottoni dell’ORT

«Ospedali in Musica», rassegna organizzata da A.Gi.Mus. e USL Toscana Nord Ovest, festeggia i suoi primi cento concerti e domenica 23 ottobre alle 17 presso gli Spedali Riuniti di Livorno (viale Alfieri), Hall al Secondo Piano del Palazzo di Amministrazione (ex maternità) si ascoltano musiche da film con gli Ottoni dell’ORT. Trombe: Donato De Sena, Guido Guidarelli, Corno: Paolo Faggi, Trombone: Stefano Bellucci, Tuba: Riccardo Tarlini, Percussioni: Morgan Tortelli. Arrangiamenti: Donato De Sena. Video proiezioni: Stefania Cacurri. Ingresso libero

PISA

Al Teatro Verdi (via Palestro 40, tel. 050941111, http://www.teatrodipisa.pi.it/) sabato 29 ore 21 e domenica 30 ottobre ore 17, in prima nazionale la Compagnia della Fortezza presenta «Dopo la tempesta. L’opera segreta di Shakespeare», drammaturgia e regia Armando Punzo, con Armando Punzo e i detenuti attori della Compagnia della Fortezza; produzione VolterraTeatro/Carte Blanche-Centro Nazionale Teatro e Carcere, Comune di Volterra, Regione Toscana, Provincia di Pisa, Mibact, Ministero della Giustizia Casa di Reclusione di Volterra, Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra.

VOLTERRA

A Volterra sabato 22 e domenica 23 c’è Volterra Gusto, grande manifestazione gastronimica con prelibatezze assortite, a cominciare dalla Mostra del tartufo bianco. Info www.volterragusto.it

MASSA (MS)

Al Teatro Guglielmi (Piazza del Teatro 1, tel. 0585 41678) sabato 29 e domenica 30 ottobre alle 21 Fabrizio Bentivoglio in «L’ora di ricevimento (banlieue)» di Stefano Massini, regia Michele Placido, con Francesco “Bolo” Rossini e 7 attori; produzione Teatro Stabile dell’Umbria.

AREZZO

scarlet-quartetDomenica 23 ottobre torna «Musica in Ospedale», stagione concertistica all’Ospedale San Donato organizzata dalla Scuola di Musica Le 7 Note in collaborazione con USL Toscana Sud Est e A.Gi.Mus. Alle 16.30 presso l’Auditorium Pieraccini dell’Ospedale San Donato (Via Nenni, ingresso libero) si esibirà  in concerto lo Scarlet Quartet, giovane e promettente quartetto d’archi al femminile composto da Eleonora De Poi e Beatrice De Stefani ai violini, Matilde Cerutti alla viola, Eleonora Dominijianni al violoncello. Il programma prevede capolavori come il Quartetto op. 51 n. 2 di J. Brahms e il Quartetto n. 12 in Do minore D 703 di F. Schubert.

Tag:, , , , , , , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.