Il ricorso al Tar del Lazio

Statali, contratto: Codacons promuove risarcimento danno per gli interessati: chiesti 34,5 miliardi allo Stato

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica, Top News

Stampa Stampa

madiaROMA – Il mancato rinnovo dei contratti pubblici ha creato finora un danno ai lavoratori pari a 34,5 miliardi di euro. Lo afferma il Codacons, che a tutela dei dipendenti pubblici ha avviato una class action dinanzi al Tar del Lazio. A distanza di oltre un anno dall’esecutività della sentenza della Corte Costituzionale che ha dichiarato l’illegittimità del regime di blocco del rinnovo della contrattazione collettiva, nulla è stato ancora fatto, e 3,2 milioni di pubblici dipendenti attendono il rinnovo del contratto -spiega il Codacons-. Un ritardo ingiustificato che crea un danno economico immenso ai lavoratori: tra risarcimento per il mancato rinnovo e indennizzo per il mancato adeguamento del trattamento economico-stipendiale per il periodo compreso tra il 1° gennaio 2010 e il 30 luglio 2015, la somma da restituire ad ogni singolo dipendente pubblico ha raggiunto oggi quota 10.800 euro’.

Per tale motivo il Codacons ha già depositato un primo ricorso collettivo al Tar del Lazio per conto di oltre 2.000 lavoratori pubblici, finalizzato ad ottenere la condanna al risarcimento del danno subito da ciascun ricorrente e la corresponsione di un equo indennizzo, anche a titolo di arricchimento senza causa dell’amministrazione. L’associazione ricorda ai pubblici dipendenti che numerosi tribunali in Italia stanno riconoscendo i diritti dei lavoratori, stabilendo risarcimenti per il mancato rinnovo del contratto: pertanto è ancora possibile aderire all’azione collettiva del Codacons dinanzi al Tar Lazio, seguendo la procedura indicata sul sito www.codacons.it.

Tag:, , , , , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.