Non risultano (per ora) vittime, solo feriti

Terremoto: scossa fortissima, magnitudo 6,5 nelle Marche avvertita nettamente a Firenze (video)

di Paolo Padoin - - Cronaca

Stampa Stampa
La cattedrale di Norcia crollata

La cattedrale di Norcia crollata

ROMA – Alle 7,41  un fortissimo sisma ha avuto di nuovo le Marche come epicentro. La scossa è stata avvertita anche a Firenze, in particolare ai piani alti delle case. Paura e telefonate ai vigili del fuoco perché, a differenza di quelle precedenti dei giorni scorsi la scossa di stamani ha creato apprensione  soprattutto per la sua durata. Nei centri colpiti dal sisma del 26 ottobre si sono sollevate numerose nuvole di fumo. Il terremoto ha ulteriormente aggravato la situazione dei crolli.

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO:  La nuova forte scossa di terremoto e’ stata avvertita in tutto il centro Italia, ma in modo minore anche in Puglia e a Bolzano. Dai dati forniti dall’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia il terremoto di magnitudo 6.5 è stato registrato tra le province di Macerata e Perugia alle ore 7.40. Le località prossime all’epicentro sono nuovamente Castelsantangelo, Norcia e Preci. Continuano le verifiche da parte della Di.coma.c e dei centri territoriali per verificare danni a persone o cose.

NO VITTIME (PER ORA) SOLO FERITI – «Al momento non ci risultano vittime, ci sono diversi feriti dalla zona di Amatrice a Norcia e Tolentino, ma si devono verificare tutte le frazioni»: Fabrizio Curcio, capo Dipartimento Protezione civile, lo dice in conferenza stampa dal Dicomac di Rieti. Da Norcia i feriti vengono trasferiti a Foligno in elicottero, per sveltire i soccorsi.

Giubileo: Basilica di San Paolo fuori le muraA ROMA CREPE NELLA BASILICA DI SAN PAOLO (video) – La scossa è stata sentita in modo fortissimo anche  a Roma, dove hanno tremato i lampadari delle case.

NORCIA – La Basilica di San Benedetto e la Cattedrale di Santa Maria argentea, a Norcia, sono crollate: sono rimaste in piedi parte delle facciate e delle strutture.

SCALA TERREMOTI – Il terremoto di oggi del 6.5 con epicentro vicino a Norcia, in Umbria, è il più violento degli ultimi decenni in Italia. Quello del Friuli del 1976 fu di magnitudo 6.4 della scala Richter. La scossa principale dell’Aquila del 2009 fu del 5.8, quello di Umbria e Marche del 1997 del 6.1. Anche quello del Belice, del 1968, fu del 6.1. Solo in Irpinia, nel 1980, la magnitudo fu del 6.5 della scala Richter, pari a quella odierna, e causò 280.000 sfollati, 8.848 feriti e 2.914 morti.

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.