I centri ellenici di accoglienza già alleggeriti di 5.000 presenze

Profughi, ricollocamenti: 168 migranti trasferiti dalla Grecia in Francia. Nessuna partenza dall’Italia

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Politica, Top News

Stampa Stampa

libia-profughi

ATENE – Un gruppo di 168 siriani, iracheni ed eritrei ha lasciato oggi Atene per dirigersi in Francia nell’ambito del programma di ricollocamento nel resto dell’Unione europea dei rifugiati arrivati in Grecia. Il gruppo si aggiunge alle 111 persone già trasferite in Finlandia: il totale dei rifugiati ricollocati dalla Grecia nel resto d’Europa è salito così a circa 5.000.Tra i partenti di questa mattina figurano anche 58 bambini con meno di dodici anni. Tutti sono stati convocati all’alba a piazza Omonia, nel centro della capitale greca, per essere condotti in aeroporto a bordo di tre bus. Qui, in un clima di calma gioiosa, i funzionari dell’Oim (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni) hanno consegnato loro le cartelle cliniche e i lasciapassare, un foglio con la foto che funge da carta d’identità per il viaggio. La Francia è il maggior contribuente in Grecia al programma europeo concluso nel mese di settembre 2015, con la finalità di alleviare il peso di quel paese. La Francia infatti ha ospitato fino ad ora 1.924 persone, quasi il 40% di quelle trasferita dalla Grecia. Il gruppo partito questa mattina sarà guidato in bus verso apposite installazioni nelle regioni del Centre-Val de Loire (Centro), Hauts-de-France (a Nord) e Normandia (Nord-Ovest). Un altro gruppo più grande di 173 persone, lascerà la Grecia il 14 novembre per la regione del Grand Est.

Dunque il programma di ricollocamenti in Grecia sembra funzionare, le organizzazioni internazionali (Oim) e europee si impegnano per attuare i trasferimenti. In Italia è tutto bloccato. Non sarà che le veementi esternazioni del nostro rottamatore e le invettive contro l’Europa sono alla fin fine controproducenti e rivolte soltanto a un risultato interno a fini di acquisire consensi per il Si al referendum? Temo proprio di si.

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.