Presenti anche i sottosegretari Lotti e De Vincenti

Firenze: patto per la città firmato a Palazzo vecchio da Renzi e Nardella. Progetti per 2,2 miliardi di euro

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

Firenze, 5 nov. (askanews) - "Vogliamo spendere bene i soldi, non facendo cestini e rotatorie. Possiamo fare un cambio di passo nel Paese e nell'Europa", "vogliamo spendere i soldi e rendicontarli, non come scartoffia burocratica ma con i cittadini". Lo ha detto il premier Matteo Renzi in occasione della firma, nella sala delle Udienze di Palazzo Vecchio, del 'patto per Firenze'.

FIRENZE – «Siamo contenti di far parte di questa agenda che porta il governo a stringere impegni concreti con tutte le grandi città italiane. Complessivamente i progetti previsti arrivano a toccare 2 miliardi e 200 mila euro.». Lo ha detto il sindaco di Firenze Dario Nardella in occasione della firma con il premier Matteo Renzi del patto per Firenze. All’iniziativa, nella sala delle Udienze di Palazzo Vecchio, hanno partecipato i sottosegretari alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti e Luca Lotti, oltre a diversi amministratori locali.

«Si tratta di progetti che riguardano innanzittutto la mobilità, i trasporti, i beni culturali ma anche la riqualificazione delle periferie ma il piano periferie è fuori dal patto e quindi si aggiungono soldi. Ci sono poi circa 40 milioni di euro per lo sport. Ci sono interventi attesi da tantissimo tempo come la Fortezza da Basso, la strada 429 nell’Empolese. Il patto non è solo l’elenco dei desideri ma anche un documento istituzionale che conferma l’impegno sull’aeroporto – ha concluso il sindaco di Firenze -, sugli impianti legati allo smatimento dei rifiuti e sui grandi assi di viabilità metropolitana. Ci sono tutti i grandi capitoli dello sviluppo della città».

Il premier ha commentato:  «Vogliamo spendere bene i soldi, non facendo cestini e rotatorie. Possiamo fare un cambio di passo nel Paese e nell’Europa, vogliamo spendere i soldi e rendicontarli, non come scartoffia burocratica ma con i cittadini».

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.