Il tycoon repubblicano in forte recupero

Presidenziali Usa: a quattro giorni dal voto (8 novembre) Clinton scende sotto i 270 elettori necessari per il successo

di Paolo Padoin - - Cronaca, Politica, Top News

Stampa Stampa

trump-hillary

NEW YORK – Non accenna a fermarsi  la tendenza al ribasso della candidata democratica Hillary Clinton alle presidenziali dell’8 novembre. A quattro giorni dal voto la Cnn vede Clinton sotto la soglia magica dei 270 grandi elettori (su 538), necessari per essere eletti alla Casa Bianca: l’ex segretario di Stato è a quota 268 mentre il rivale repubblicano Donald Trump è salito a 204.

I grandi elettori sono coloro che formalmente eleggeranno il 19 dicembre il 45esimo presidente degli Stati Uniti. Ogni Stato in base alla sua popolazione assegna un pacchetto di grandi elettori: si va dai 55 della California, con 38,8 milioni di residenti, ai soli 3 della sterminata quanto disabitata Alska (736.000). Tranne che nel Maine e in Nebraska (che adottano un sistema proporzionale e assegnano 4 voti a testa), in tutti gli altri 48 stati dell’Unione chi conquista un solo voto in più si porta a casa tutto il pacchetto: «Winner alla takes».

Fino a due settimane fa gli esperti di politica, i mercati e persino i bookmaker erano convinti che Hillary Clinton avrebbe vinto a mani basse le elezioni presidenziali americane di martedì prossimo. Ora, complici le indagini dell’Fbi sulle email dell’ex first lady, il suo vantaggio è ridotto ai minimi termini e, secondo Iowa Electronic Markets, le possibilità di successo del candidato repubblicano sono balzate dal 10 al 40%.

Tag:, , , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.