Le interviste di Fiorentina-Sampdoria

Paulo Sousa: «Dovevamo chiuderla, poi siamo calati»

di Ernesto Giusti - - Sport

Stampa Stampa
Paulo Sousa

Paulo Sousa

FIRENZE – «Abbiamo accusato la fatica, mentale e fisica».  Paulo Sousa commenta così il pareggio con la Sampdoria e soprattutto il vistoso calo della Fiorentina nel secondo tempo. L’allenatore dà la colpa all’impegno di giovedì in Europa League contro lo Slovan Liberec. Dice: «Tutte le squadre impegnate in Europa fanno poi fatica in campionato». Vero? Qualche volta sì e qualche altra no. Sta di fatto che, contro la Sampdoria, la Fiorentina è partita molto bene, mettendo in chiara difficoltà gli avversari,  ma calando alla distanza-.

E allora? Il rammarico di Sousa è questo: «Bisognava chiuderla prima per evitare il ritorno di loro». Arrivano le domande e, fra queste, quell relativa allo scarso turn over in Europa League: Sousa sostiene che non è questione di turn over. Ma sa bene che ora, non avendo battuto la Samp, occorre vincere il derby a Empoli. Che non ha più Giampaolo in panchina. Poi ancora sulla Fiorentina: «La squadra ci crede e sta creando. Le vittori portano sempre più convinzione e questo ci è mancato. Non siamo stati concreti rispetto a quanto creato, abbiamo avuto tante occasioni per chiudere la partita. Poi contro una squadra che chiude bene, che gioca bene. La Sampdoria è cresciuta anche mentalmente, ci ha creduto soprattutto in contropiede».

In casa Sampdoria, invece, c”è soddisfazione per il punto conquistato al Franchi: «Oggi non era facile, la Fiorentina ha qualità, è forte nell’uno contro uno. Con Tello, Bernardeschi,  Kalinic per come va in profondità, Borja Valero come palleggiatore – ha sottolinea il tecnico Giampaolo -. Per noi questo è un punto d’oro. I miei rimproveri alla squadra riguardavano il piano tecnico, perché se non crei problemi alla Fiorentina, sul piano tecnico, e la subisci, vieni via da qui con 3 gol». Un punto che porta la firma di Muriel: «Ha fatto un
gol pregevolissimo, il colpo di testa non è un suo fondamentale che lo contraddistingue. È stato bravissimo a trovare il tempo
ed il gol. Con lui respiri sempre pericolosità offensiva. Fossi in un difensore, sarei sempre preoccupato. Adesso va in Nazionale, lo ritroverò tra 10 giorni, spero bene».

Tag:, ,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.