Proseguono le indagini della Digos

Firenze, Leopolda e «No a Renzi»: il giudice prima convalida l’arresto del manifestante, poi lo rimette in libertà

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa
Un momento degli scontri di sabato 5 novembre a Firenze

Un momento degli scontri di sabato 5 novembre a Firenze

FIRENZE – Il giudice del tribunale di Firenze, Maria Filomena De Cecco, ha convalidato l’arresto del giovane di Mestre (Venezia) fermato sabato scorso dalla polizia in piazza San Marco durante la manifestazione per il «No a Renzi». Il giudice, nel corso della direttissima, ha poi deciso che per il giovane non c’erano esigenze cautelari e lo ha rimesso in libertà. Il pm, Ester Nocera, aveva chiesto la conferma della misura cautelare in carcere.

Intanto proseguono le indagini della digos che sta acquisendo altri video e foto per identificare i responsabili degli scontri
verificatisi in piazza San Marco e, successivamente, all’angolo tra via della Pergola e via della Colonna, durante la
manifestazione mentre il corteo cercava di raggiungere, senza riuscirci la stazione Leopolda dov’era in corso la kermesse del
presidente del Consiglio, Matteo Renzi.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.