Da martedì 15 a sabato 19 novembre ore 21

Firenze: al Teatro di Rifredi arriva l’«Ubu roi» di Jarry con la regia di Latini

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
Una scena di «Ubu roi» (foto Simone Cecchetti)

Una scena di «Ubu roi» (foto Simone Cecchetti)

FIRENZE – Arriva al Teatro di Rifredi dal 15 al 19 novembre uno dei prodotti più significativi e spettacolari del teatro di ricerca italiano degli ultimi anni, l’«Ubu roi» di Alfred Jarry riadattato e diretto da Roberto Latini.

L’originale è una farsa grottesca del 1896, anticipatrice del surrealismo e del teatro dell’assurdo e nata da una parodia del professore di fisica del liceo di Rennes frequentato da Jarry. La goliardata, anche grazie al senso riposto che andava oltre la semplice parodia e si spingeva fino alla riflessione sulla natura dell’arte teatrale, ebbe successo e diede un grande impulso alla patafisica, la scienza delle soluzioni immaginarie inventata dallo stesso Jarry e praticata ancora negli anni Cinquanta da Boris Vian, passando per dadaisti e surrealisti.

Ormai è un classico del teatro. Roberto Latini, attore e regista nello spettacolo coprodotto col Teatro Metastasio, ne dà una lettura che lo contamina con altri classici, a partire naturalmente da William Shakespeare per la sanguinarietà della coppia protagonista, Padre Ubu e Madre Ubu, che decidono di uccidere il Re Venceslao impadronendosi del trono. Per il timore di essere a sua volta usurpato, Padre Ubu decide di uccidere anche tutti i nobili che lo avevano appoggiato, trasformando così la sua grottesca sete di potere in un cialtronesco, surreale movimentato bagno di sangue. Atri riferimenti della messinscena di Latini sono a Eugène Ionesco, Antonin Artaud, Carmelo Bene di cui si richiama il Pinocchio…

Latini crea immagini sceniche sontuose e di grande impatto visivo,  che sembrano uscire dai libri pop o dai cartoni animati, coadiuvato in questo da un’eccellente compagnia di attori tra cui si segnala Ciro Masella en travesti, nei panni di una isterica e feroce Madre Ubu.

Teatro di Rifredi (Via Vittorio Emanuele II, 303, Firenze; 055/422.03.61 –  www.toscanateatro.it)

Da martedì 15 a sabato 19 novembre, ore 21
Fortebraccio Teatro presenta «Ubu roi» di Alfred Jarry, adattamento e regia Roberto Latini, con Roberto Latini e con Savino Paparella, Ciro Masella, Sebastian Barbalan, Marco Jackson Vergani, Francesco Pennacchia, Guido Feruglio, Fabiana Gabanini; musiche e suoni Gianluca Misiti; scena Luca Baldini, costumi Marion D’Amburgo; luci Max Mugnai; un progetto realizzato con la collaborazione Teatro Metastasio Stabile della Toscana
Ingresso intero € 16,00 – ridotto € 14,00
Prevendita Teatro di Rifredi dal lunedì al sabato (ore 16:00 – 19:00) | biglietteria@toscanateatro.it
Box Office in tutti i punti del circuito e www.boxol.it | Il Teatro di Rifredi è un punto Box Office

Un assaggio della messincena è online su You Tube

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.