Per le cause contro i dinieghi delle Commissioni

Migranti, richieste di asilo: l’Italia paga le spese legali ai loro avvocati, anche per chi poi non ha diritto

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Lente d'Ingrandimento, Politica

Stampa Stampa

migranti-600x300

Forse a moltissimi sfugge un aspetto particolare che moltiplica ancor più le spese enormi che affrontiamo per l’immigrazione, anche clandestina. A chi chiede asilo paghiamo pure le spese legali. L’immigrato che arriva in Italia ottiene il patrocinio a spese nostre.

Negli ultimi anni i cittadini italiani hanno pagato centinaia di milioni di euro per il mantenimento degli immigrati sbarcati nel nostro Paese. In Italia i «sedicenti profughi, la cui richiesta è respinta dall’apposita Commissione, possono presentare un ricorso al più vicino tribunale civile. A quel punto devono soltanto attendere che la giustizia italiana faccia il suo lentissimo corso. I tempi dell’attesa sono lunghi: in primo grado il tribunale dovrebbe evadere una pratica in sei mesi, ma in media ne impiega almeno otto-dieci. Poi c’è la Corte d’Appello, con altri 10-12 mesi. Infine la Cassazione. In totale, almeno tre anni. Per tutto questo tempo, i sedicenti profughi vengono trattati con i benefici el caso: assistenza sanitaria gratuita, diritto all’istruzione e all’accoglienza in una struttura convenzionata, oppure in alternativa il sussidio in denaro. Nel 2014 ha fatto ricorso il 73% dei sedicenti profughi respinti dalle Commissioni territoriali. Nel 2015 la quota è salita all’80%. Quest’anno praticamente tutti. A spanne, si tratta di oltre 8o.000 procedimenti aperti in tre anni, e i tribunali scoppiano.

Dato che la totalità dei sedicenti profughi chiede il gratuito patrocinio, cioè un avvocato d’ufficio pagato dallo Stato, e dato che solo in primo grado una parcella costa sugli 8oo euro, gli 8o.000 casi degli ultimi tre anni solo in primo grado sono costati circa 8o milioni. In appello la parcella arriva a 1.200 euro. Poi c’è la Cassazione, e il costo sale ancora. Se contiamo tutte queste fasi il costo totale potrebbe avvicinarsi ai 250.000 euro. Ma dopo un No in secondo grado, spesso il sedicente profugo scompare, ripresentandosi con un nome nuovo e una nuova richiesta d’asilo. E in futuro, con l’aumento degli arrivi e delle cause conseguenti, si presume che i costi fra primo grado, appello e Cassazione potranno moltiplicarsi ancora.

Il Governo dovrebbe riflettere anche su questo aspetto, costosissimo e non secondario. E’ vero che le cifre pagate vanno nelle tasche di avvocati e non di migranti, e che su queste cifre i professionisti ci pagano le tasse, ma non è ammissibile perpetuare un sistema di questo tipo perchè non si trova un sistema che impedisca l’arrivo dei migranti economici, che non hanno diritto all’asilo, ma lo chiedono ugualmente e ricorrono contro decisioni negative, ispirati anche dalle associazioni interessate, e provocano spese sesquipedali per l’erario e quindi per le tasche del contribuente.

Tag:, , , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.