Cosa fare di giorno e di sera

Week End 19-20 novembre a Firenze e in Toscana: musica, teatro, eventi, mostre

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura, Spettacolo

Stampa Stampa
Una scena della Bohème

Una scena della «Bohème» di Puccini (sabato e domenica all’Opera di Firenze; foto Contrasto)

FIRENZE

Domenica 20 novembre sulle colline di Serpiolle e Cercina manifestazione podistica non competitiva AILovesRUNNING, per sostenere un progetto che dia la possibilità ai pazienti sottoposti a trapianto autologo di midollo osseo di svolgere il lungo e delicato periodo post trapianto a casa propria, o nella struttura di accoglienza Casa Ail (Associazione italiana leucemie, linfomi e mieloma), adiacente all’ospedale. Percorsi da 10 e da 4 km. Ci si può iscrivere anche la mattina stessa presso la sede operativa AIL Firenze in Piazza Meyer 2 dalle ore 7:30 alle 8:30 (quota 10 euro, solo contanti) www.ailfirenze.it

Maggio Musicale Fiorentino – All’Opera di Firenze (Piazzale Vittorio Gui) sabato 19 novembre alle 20 e domenica 20 novembre alle 15.30 va in scena «La Bohème» di Giacomo Puccini; Orchestra, Coro e Coro di voci bianche del Maggio Musicale Fiorentino sotto la direzione di di Daniel Oren. Dettagli sui cast (diversi nelle due recite) e biglietti sul sito dell’Opera di Firenze (da 10 a 100 euro). Al Teatro Goldoni (via Santa Maria 15) sabato 19 novembre, ore 16.30 va in scena l’opera buffa in un atto di Jacques Offenbach «Vento della sera, o l’orribile banchetto», nuovo allestimento. Si tratta della prima esecuzione assoluta dell’orchestrazione della classe di composizione di Andrea Portera della Scuola di Musica di Fiesole e della versione ritmica e dei dialoghi di Silvia Paoli e Marie Lambert.  Sul podio, alla guida dell’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, Silvia Spinnato; la regia è di Silvia Paoli, le scene e i costumi di Federico Biancalani, le luci di Stefano Ercolino. Posto unico 20 euro; bioglietti in vendita anche online.

hagenAmici della MusicaSabato 19 Novembre alle 16 al Teatro della Pergola (via della Pergola 18) suonano Marco Rizzi, a suo tempo vincitore dei premi Cajkovskij di Mosca e Queen Elizabeth di Bruxelles e oggi violinista di prima classe, Gabriele Pieranunzi, primo violino di spalla dell’Orchestra del Teatro San Carlo di Napoli, Simonide Braconi, prima viola dell’Orchestra del Teatro alla Scala, Francesco Fiore, prima viola dell’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, ed Enrico Bronzi, fondatore del Trio di Parma. In programma l’elegante Quintetto n. 2 op. 87 di Mendelssohn e il Quintetto op.111 di Brahms, scritto nel 1890 dopo un viaggio in Italia (biglietti da 5 a 25 euro). Un percorso musicale che verrà illustrato dagli interpreti Sabato 19 Novembre alle 11.30 sempre al Teatro della Pergola (ingresso libero). Domenica 20 Novembre alle 21 al Saloncino del Teatro della Pergola debutta un giovane duo, tutto al femminile: la violoncellista salisburghese Julia Hagen (nella foto), figlia del noto violoncellista Clemens, classe 1995, e la pianista veneta Chiara Opalio, nata nel 1990, con un programma costruito su pietre miliari otto-novecentesche: la Sonata op.69 di Beethoven, la Sonata op.99 di Brahms e la Sonata op.65 di Britten, dedicata a Mstislav Rostropovich.

poohL’addio dei Pooh – I Pooh celebrano il cinquantennale della carriera e danno l’addio alle scene con «Reunion – L’ultima Notte Insieme», il tour dei record: sabato 19 alle 21 al Mandela Forum (Piazza Berlinguer). La formazione, per la prima volta a cinque, allinea Roby Facchinetti, Dodi Battaglia, Red Canzian, Stefano D’Orazio e Riccardo Fogli. E la scaletta non può essere che un best: «Dammi solo un minuto», «Piccola Katy», «Tanta voglia di lei», «Chi fermerà la musica», «Pensiero» sono solo alcuni brani che scivolano uno dietro l’altro nelle oltre due ore di spettacolo. Poi ci sarà il gran finale in dicembre, a Bologna, ma Firenze rappresenta una delle tappe decisive e conclusive di una straordinaria carriera.

5-low-anastasiya-petryshak_-ph-filippo-manziniAnastasiya Petryshak – Domenica 20 novembre, ore 21, torna al Teatro Niccolini (via Ricasoli 3) Anastasiya Petryshak, una delle violiniste più acclamate nel panorama mondiale, che si esibisce sulle note delle Quattro Stagioni di Antonio Vivaldi, accompagnata dall’orchestra di archi ZHdK Strings, che eseguirà anche la Holberg Suite, Op. 40 di Edvard Grieg. Allieva di Salvatore Accardo, Anastasiya Petryshak è impegnata in un’intensa attività concertistica in Italia e all’estero accompagnata da importanti direttori e orchestre, ed è specializzata nell’utilizzo di strumenti d’epoca, in particolare dei violini di Stradivari, Amati e Guarneri del Gesù. Grazie al suo eccezionale talento, ha avuto il privilegio rarissimo di suonare, proprio al Niccolini il 17 settembre scorso, il violino “Eberle”, uno straordinario esemplare della tradizione liutaria napoletana costruito intorno al 1770, e il celeberrimo violino “Cannone” appartenuto a Niccolò Paganini al Carlo Felice di Genova.

A.Gi.Mus.  – Doppio appuntamento per l’Associazione A.Gi.Mus. domenica 20 novembre.  Alle ore 10.30 nell’Aula Magna del Nuovo Ingresso dell’Ospedale di Careggi (largo Brambilla 3, ingresso libero) si esibirà in concerto per la stagione “Careggi in Musica” il pianista Filippo Balducci con un recital che prevede l’esecuzione della Sonata in Do minore op.111 di L. Van Beethoven e della Fantasia e Fuga sul nome BACH e della Ballata n.2 in Si minore di F. Liszt. In contemporanea, presso la Ludoteca dell’Ospedale Pediatrico Meyer (viale Pieraccini 24), nuovo appuntamento anche per MM – Musica al Meyer, la stagione concertistica per bambini organizzata con il sostegno della Fondazione Ospedale Pediatrico Meyer. Verrà eseguita in prima esecuzione assoluta una trasposizione in musica di “Melaviglia”, fiaba per bambini dei giovani fiorentini Valerio Nardoni e Stefano Miani. La parte musicale verrà eseguita da Stefano Miani alle chitarre, Francesco Nucci alle percussioni e Francesca Mirarchi alle tastiere, con Valerio Nardoni alla voce recitante. Per il pubblico esterno è possibile accedere su prenotazione scrivendo ad agimus.firenze@agimus.it fino ad esaurimento posti. L’ingresso è invece libero senza prenotazione per i piccoli degenti, i loro familiari e il personale ospedaliero.

turandotTurandot, tra musica e teatro per ragazziSabato 19 e domenica 20 novembre alle 16.30 il Teatro Cantiere Florida (via Pisana 111r) inaugura Il Florida dei Piccoli, rassegna dedicata al teatro per ragazzi, con «La Fiaba della Principessa Turandot» Traendo ispirazione dalle molteplici versioni del personaggio Turandot e dalla sua vicenda in perenne viaggio e trasformazione, la compagnia Giallo Mare Minimal Teatro mette in scena questo singolare progetto di  Musica da Vedere / Teatro da Ascoltare con testo e regia di  Renzo Boldrini che ha liberamente creato una nuova storia con l’intento di evidenziare l’aspetto fiabesco della vicenda.

Suoni RiflessiDomenica 20 novembre alle 11 alla Sala Vanni (piazza del Carmine 19) l’ensemble Nuovo Contrappunto diretto da Mario Ancillotti esegue in prima assoluta «Risus abundat» di Andrea Portera e «La serva padrona» di Giovan Battista Pergolesi, ultimo spettacolo della 14a edizione della rassegna. Biglietti 12 / 8 euro. Il 19 alle 18 Portera parla della nuova opera insieme agli interpreti. Per ulteriori informazioni www.suoniriflessi.it

The Giornalisti – All’Auditorium FLOG (via Mercati 24b) sabato 19 si esibisce la rock band romana «The Giornalisti». Biglietti 15 / 12 euro. Apertura ore 21.30.

2-low-anatra-allarancia-luca-barbareschi-chiara-noschese_-ph-bepi-caroli

«L’anatra all’arancia» con Barbareschi e Noschese – Al Teatro della Pergola sabato 19 alle 20.45 e domenica 20 alle 16.45 c’è lo spettacolo cult del teatro comico-leggero «L’anatra all’arancia» dello scozzese Williams Douglas Home adattato dal celebre autore teatrale francese Marc Gilbert Sauvajon, nella versione diretta e interpretata da Luca Barbareschi (che firma anche traduzione e adattamento), con Chiara Noschese, Gianluca Gobbi, Margherita Laterza, e con la partecipazione di Ernesto Mahieux. Lo spettacolo, in prima nazionale, sostituisce il «Don Chisciotte» preannunciato all’inizio della stagione.

4-ubu-roi-simone-cecchettiTeatro di Rifredi – Al Teatro di Rifredi (via Vittorio Emanuele II, 303 – tel 055 4220361/2; www.toscanateatro.it) sabato 19 alle 21 ultima recita del rutilante «Ubu roi» di Jarry riadattato e diretto da Roberto Latini, che è anche protagonista affiancato da Savino Paparella, Ciro Masella, Sebastian Barbalan, Marco Jackson Vergani, Francesco Pennacchia, Guido Feruglio, Fabiana Gabanini; musiche e suoni Gianluca Misiti; scena Luca Baldini, costumi Marion D’Amburgo; luci Max Mugnai; un progetto realizzato con la collaborazione Teatro Metastasio Stabile della Toscana. Biglietti 16 /14 euro. Prevendita Teatro di Rifredi dal lunedì al sabato (ore 16:00 – 19:00) e Box Office in tutti i punti del circuito (compreso il Teatro di Rifredi) e www.boxol.it Dedicato ai ragazzi invece lo spettacolo di domenica 20 alle 16.30, quando va in scena «Trina e la lumachina»; regia Vincenzo Calenzo, le musiche sono di Edoardo Dinelli eseguite dal vivo dai musicisti de L’Orchestra da Favola del Paracadute di Icaro.

San Frediano OffDomenica 20 novembre alle 17 presso il Pozzo dei Desideri (Borgo Stella 19r) quarto appuntamento della rassegna San Frediano Off «Amor volat undique», concerto scenico ispirato ai Carmina Burana. Regia Filippo Frittelli, progetto musicale Stefania Renieri. Filippo Frittelli  voce e gesto, Stefania Renieri canto lirico, Riccardo Pratelli pianoforte. Ingresso libero.

La democrazia del corpoSabato 19 novembre alle 18 azione coreografica che vede protagonista coreografo e danzatore spagnolo, ora attivo in Belgio, Salva Sanchis, che si muove all’interno di una bottega artigiana dell’Oltrarno, la Falegnameria Frosecchi. Ingresso gratuito. L’appuntamento per gli spettatori è alle ore 18 a Cango (via Santa Maria 25). Alle ore 19 a Cango incontro con Fabio Cavallucci (ingresso libero), Direttore del Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato, che parlerà di arte in città e di come l’arte può interagire con il territorio.
Arte Firenze 2016 – Al Padiglione Arsenale della Fortezza da Basso da venerdì 18 a domenica 20 c’è Arte Firenze 2016, mostra mercato d’arte contemporanea (ingresso libero): pittura, scultura, disegno, fotografia, digital art e altre espressioni artistiche di oggi in vetrina per la gioia di galleristi, collezionisti, critici, esperti d’arte e semplici appassionati. La manifestazione si attesta fra le mostre di riferimento più importanti in Italia per lo sviluppo del mercato dell’arte contemporanea. 200 gli artisti partecipanti provenienti da tutta Italia, Europa e vari paesi dell’America Latina.
 
Artigianarte – All’Obihall (Via Fabrizio De Andrè) sabato 19 e domenica 20 dalle 9 alle 19 c’è Artigianarte, mostra mercato con oggetti vintage e da collezione. Ingresso 3 / 2 euro.
Florence Tattoo ConventionSabato 19 dalle 12 alle 2 di notte e domenica 20 dalle 12 alle 24 alla Fortezza da Basso c’è anche la Florence Tattoo Convention. florencetattooconvention.com
Biennale Enogastronomica – Continua la Biennale Enogastronomica di Firenze 2016: 18 giorni dedicati al mondo del cibo, con eventi in vari luoghi cittadini. Questi gli appuntamenti di questo week End. Alla Casa della Biennale (EX3, Viale Giannotti, 81-85) sabato 19 dalle ore 12 alle ore 23 e domenica 20 dalle 12 alle 20 c’è Florence Wine Event, kermesse dedicata ai vini di qualità. I produttori raccontano al pubblico i loro vini, la loro storia e i loro territori, per far apprezzare ciò che si gusta nel bicchiere. Toscana, ma anche Giappone, con due produttori storici di sake, Mr. Mikunihare e Mr. Sekiya, le cui cantine sono attive da più di duecento anni. Sempre lì, fra sabato e domenica, allo Spazio cutura si presentano diversi libri a tema culinario. Al Ristorante Santo Graal  (Via Romana, 70/R) il 19 novembre alle 12 cooking show di Gabriele Andreoni, alle 13 di Donato Mutri, alle 18 di Matteo Lorenzini, alle 19 di Marco Vitale (vegan); il 20 novembre alle 12 cooking show di Hiron Peris, alle 13 di Arturo Dorialle 18 di Roberto Falchetti, alle 19 di Gianluca Bruno. Infine domenica 20 novembre alle 11 in Piazza SS Annunziata 9/B, Ingresso Museo Archeologico c’è Città Nascosta – Antiche delizie del palato (info e prenotazioni: www.cittanascosta.it – 055/6802590); alle 18 in  Piazza Pitti 14/R workshop per scoprire il mondo dell’olio extra vergine d’oliva e degustazione a 25€ (info e prenotazioni: info@oliviafirenze.com).
Mercatino del Riuso – All’SMS di Rifredi (via Vittorio Emanuele II, 303) sabato 19 dalle 10 alle 18 c’è il Mercatino del riuso.
Mercatino della Fortezza Antiquaria – In Piazza Vittorio Veneto domenica 20 c’è il Mercatino della Fortezza Antiquaria, con 100 operatori provenienti da tutt’Italia.
Rugby al Franchi – Allo Stadio Artemio Franchi (viale PAoli) per una volta la palla è ovale: sabato 19 novembre alle 15 c’è il Test Match della Nazionale italiana contro il Sudafrica. Biglietti da 16 euro.
Mostre – A Palazzo Strozzi c’è la mostra dell’artista contemporaneo cinese Ai Weiwei, che tanto ha fatto discutere per i gommoni rossi attaccati sulla facciata rinascimentale. Durerà fino al 22 gennaio 2017. Al Museo dell’Opera del Duomo c’è «Donatello e Verrocchio. Capolavori riscoperti», con due sculture di terracotta della Collezione di Peter e Kathleen Silverman (un busto raffigurante San Lorenzo e un rilievo con la Decollazione di San Giovanni Battista). Si entra col biglietto del museo, 15 euro.

È invece gratuita la mostra «Capolavori a Villa La Quiete, Botticelli e Ridolfo del Ghirlandaio in mostra» presso Villa La Quiete prorogata fino a gennaio (Via di Boldrone 2, Firenze), con opere provenienti per la maggior parte dal Convento di San Iacopo di Ripoli, complesso dell’ordine laico delle Montalve. Tra le opere esposte, L’Incoronazione della Vergine e santi di Sandro Botticelli e bottega, lo Sposalizio mistico di Santa Caterina di Ridolfo del Ghirlandaio e un crocifisso di Baccio da Montelupo. Aperto sabato e domenica dalle 10 alle 19. Per informazioni: 055/2756444.

Sempre aperte le mostre che celebrano il 50° dell’alluvione. All’Opera di Firenze (Piazzale Vittorio Gui) nella sala vetri del foyer di platea c’è la mostra fotografica «La musica oltre l’acqua ed il fango», che commemora la rinascita del Teatro Comunale dopo la disastrosa alluvione del 4 novembre 1966. Orario 10-14 esclsuo lunedì e da due ore prima dello spettacolo, ingresso libero. Fino al 31 gennaio l’Archivio storico del Comune di Firenze (sala delle esposizioni, via dell’Oriuolo 35) ospita la mostra L’Arno in Città – L’alluvione del 4 novembre 1966 nella memoria dei fiorentini. Infine «L’Arno straripa a Firenze» nell’Auditorium de La Nazione (via Giovane Italia).

ANTELLA – BAGNO A RIPOLI (FI)

Al Teatro di Antella (Via Montisoni, 10) sabato 19 novembre alle 21 Alessandro Benvenuti ripropone il suo spettacolo «Un comico fatto di sangue». Domenica 20 novembre alle 17, per la Festa della Toscana e per la Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia, «Progetti al di là del mare» con Mirian Bardini e Patrizia Mazzoni. Un progetto Profughi del Mito prodotto da Archetipo e Teatri d’Imbarco in cui gli spettatori s’imbarcano su una nave immaginaria, ma già lo spazio scenico li accoglie e raccoglie come nella pancia di una vera nave. Si alternano momenti di narrazione di diari di viaggio di migranti a momenti che evocano l’immaginario fantastico delle fiabe: per ascoltare storie di animali fatati e di aiutanti magici, storie di mari in tempesta e di terre promesse.  Biglietti € 13, € 7 – info www.archetipoac.it telefono 055 621894.

EMPOLI (FI)

Al Minimal Teatro (Via Paolo Veronese, 10) domenica 20 novembre, alle 15.30 e alle 17.30 va in scena «L’atlante delle città», liberamente ispirato a “Le città invisibili” di Italo Calvino per bambini da 5 a 10 anni. Lo spettacolo si sviluppa attorno ad una macchina scenica che si apre e si trasforma sotto gli occhi dei bambini diventando aereo ad elica, bicicletta, lanterna magica, atlante di città dove si nascondono storie, personaggi, racconti, immagini, disegni. Ragazzi a teatro a Empoli domenica 20 novembre. Biglietti 4.50 euro, consigliata prenotazione (0571/81629-83758).

MONTESPERTOLI

A Montespertoli sabato 19 e domenica 20 c’è la «Festa degli alberi», con conferenze, visite guidate, proiezioni dedicate soprattutto ai ragazzi delle scuole, per educarli al rispetto dell’ambiente. www.comune.montespertoli.fi.it

Apertura della Stagione di prosa del Teatro Giacomo Puccini di Altopascio. Domenica 20 novembre alle 21, «L’Hotel del libero scambio», con Antonello Fassari e Nicola Rignanese, adattamento di Valerio Fassari e Umberto Orsini della famosissima pièce di Georges Feydeau; regia di Roberto Valerio. «L’Hotel del libero scambio» ATTIRA lo sguardo sull’imbarbarimento della media borghesia dell’800 e i disastri sociali che ne conseguirono. Attraverso una comicità collaudata che da sempre contraddistingue i testi del grande commediografo francese – autore ultimamente MOLTO rappresentato -, emerge un pensiero ancora oggi moderno e attuale, capace di farci riflettere sul degrado politico e sociale a cui stiamo assistendo anche nella nostra società. Prevendita dei biglietti presso il Teatro Comunale “Giacomo Puccini” di Altopascio, via Regina Margherita 17/19, (tel. 0583.216701) giovedì 17, venerdì 18 e sabato 19 dalle ore 17.00 alle 20.00, oppure un’ora prima dello spettacolo.

AREZZO

Domenica 20 novembre alle 16.30 torna la musica in ospedale con la Scuola di Musica Le 7 Note, in collaborazione con A.Gi.Mus. e USL Toscana Sud Est. Presso l’Auditorium Pieraccini dell’Ospedale San Donato (Via Nenni, ingresso libero) si esibirà  in concerto la flautista Federica Lotti con un excursus sulla storia del flauto da Mozart fino ai giorni nostri. In programma musiche di Mozart, Jolivet, Telemann, Petrassi, Ambrosini, Maderna, Debussy, Gubajdulina, Scarlatti, per un divertente viaggio volto a mostrare tutte le potenzialità espressive del flauto e le differenze nel repertorio attraverso i secoli. Il concerto vedrà la partecipazione su alcuni brani anche della flautista Caterina Stocchi.

TERRANUOVA BRACCIOLINI (AR)

Televisione: buona o cattiva maestra? Una riflessione sul concetto di pedagogia via tubo catodico, dall’Alberto Manzi di “Non è mai troppo tardi” a Sandra Milo e i suoi “Piccoli fans”, fino a “Amici” di Maria De Filippi. È questa la tematica al centro di Discorso Giallo, lo spettacolo firmato dalla compagnia Fanny & Alexander che andrà in scena domani, sabato 19 novembre alle 21.15 presso l’Auditorium Le Fornaci di Terranuova Bracciolini (via Vittorio Veneto 19, Arezzo), nell’ambito della stagione teatrale Diffusioni, a cura di KanterStrasse (ingresso 10/7€, www.lefornaci.org).

SIENA

Massimo Ranieri, Sogno e Son DestoAl Teatro dei Rinnovati (Palazzo Pubblico, Il Campo) sabato 19 novembre alle 21.15 e domenica 20 novembre alle 17 «Teatro del porto. Versi, prosa e musica di Raffaele Viviani», regia Maurizio Scaparro, con Massimo Ranieri, e con Ernesto Lama, Angela De Matteo, Gaia Bassi, Roberto Bani, Mario Zinno, Ivano Schiavi, Antonio Speranza, Francesca Ciardello; l’orchestra: Ciro Cascino pianoforte, Luigi Sigillo contrabbasso, Donato Sensini fiati, Sandro Tumolillo violino, Giuseppe Fiscale tromba, Mario Zinno batteria; elaborazioni musicali Pasquale Scialò; scene e costumi Lorenzo Cutuli; disegno luci Maurizio Fabretti; coreografie Giorgio De Bortoli.

Tag:, , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.