Il premier vuole il palcoscenico più bello del mondo

Referendum, Firenze: piazza Signoria a Renzi negli ultimi tre giorni di campagna elettorale. E scoppia la polemica

di Redazione - - Cronaca, Politica

Stampa Stampa
Il Biancone in piazza della Signoria a Firenze

La fontana del Nettuno, detto il Biancone, in piazza della Signoria: Renzi vuole il palcoscenico più bello del mondo per la chiusura della campagna referendaria

FIRENZE – L’accusa è forte: «Colpo di mano da parte della giunta comunale di Firenze che, in assenza di un accordo politico in seno all’organo competente, la commissione elettorale, decide con delibera di concedere la disponibilità di piazza Signoria a Matteo Renzi negli ultimi 3 giorni di campagna referendaria». A denunciarlo è il consigliere comunale di Si Tommaso Grassi, dopo l’approvazione del disciplinare sulle iniziative elettorali da parte dell’esecutivo comunale.

«La richiesta per Piazza Signoria è arrivata solo dal Pd e l’accordo tra le parti politiche sul suo uso non c’è stato – spiega Grassi – dunque valgono le regole ordinarie, secondo cui, in sintesi, piazza Signoria non può essere usata per iniziative politiche. E non è certo la giunta, che di gruppi politici ne rappresenta uno solo, a poter decidere al riguardo. Per questo stiamo valutando anche l’ipotesi di un ricorso al Tar». Polemiche di tono analogo, sulla questione, anche dal capogruppo dei Cinque Stelle Silvia Noferi.  Ma per il Comune si tratta di «attacchi privi di fondamento», come commenta l’assessore Federico Gianassi. «Il disciplinare – replica l”assessore – fissa regole che valgono per tutti e che regolamentano l”utilizzo delle piazze per le iniziative in vista della chiusura della campagna referendaria, compresa piazza Signoria. E non si può certo dire che a Firenze vengano osteggiate le iniziative delle forze politiche schierate per il
No al referendum, come testimoniano quella promossa da Matteo Salvini in piazza Santa Croce e le altre che ci sono state e ci
saranno anche per il No». Nello specifico dell”ipotesi di ricorso al Tar effettuata da Grassi, Gianassi sottolinea che «il consigliere può pure valutarla, ma perde tempo. Gli atti sono legittimi e chiari».

Tag:, , , ,

Commenti (1)

  • Pierluigi

    |

    Avremo un nuovo Caudillo tra poche settimane?

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.