Mercoledì 23 novembre alle 21

Firenze: artiste toscane cantano gratis per Artemisia. Contro la violenza sulle donne

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa
trinus

«Trinus» (Lisa Kant)

FIRENZE – Mercoledì 23 novembre dalle 21 al Teatro Il Progresso la scena musicale toscana si schiera contro la violenza sulle donne con «Come se non ci fosse un domani», una serata a ingresso libero e offerta libera a sostegno dell’Associazione Artemisia, che dal 1992 assiste donne, bambine e bambini che subiscono violenza, nonché persone adulte che l’hanno subita durante l’infanzia e ne portano i segni nell’anima, se non nel corpo. Gestisce inoltre due case rifugio a indirizzo segreto per le situazioni di maggiore rischio.

Sul palco, presentate da David Drago e Duccio Barlucchi, si susseguiranno alcune musiciste significative della nostra regione, soliste o leader di gruppi non necessariamente solo al femminile: la bravissima Verdiana Raw, una delle voci più originali del panorama nostrano, l’espertissima vocalist Lisa Kant col suo nuovo progetto «Trinus», Giorgia Del Mese, Sara Rados, Alice Chiari & Simone Morgantini 1861, i buffi ScandaloSoBrio, The Cleopatras, Shot of Love, Skom.

La serata si collega idealmente alla Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, che dal 1999, su iniziativa dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, ogni 25 novembre coinvolge istituzioni e associazioni a livello mondiale.

«Come se non ci fosse un domani» è il titolo di una canzone della formazione fiorentina ScandaloSoBrio, la cui autrice, Maria Paternostro, ha dato vita al gruppo facebook «No Woman No Die», con l’intento di sensibilizzare il pubblico sul tema della violenza sulle donne, e al conseguente progetto che intende coinvolgere esponenti del panorama musicale toscano e non, mescolando generi, esperienze, traiettorie, con un unico fine: fermare la barbarie.

Circolo – Teatro Il Progresso (via Vittorio Emanuele, 135 – Firenze)

Mercoledì 23 novembre, ore 21

Tutto il ricavato sarà devoluto per finanziare le attività del Centro Antiviolenza Artemisia

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.