Nota del Presidente Confesercenti Toscana Nico Gronchi

Legge di stabilità: nel 2017 l’obiettivo è far ripartire gli investimenti

di Martina Venni - - Cronaca, Economia, Top News

Stampa Stampa

2-assemblea_2015_nico_gronchiLe nostre imprese non hanno ancora superato il periodo di crisi: pressione fiscale, debole ripresa dei consumi e forti incertezze internazionali sono alcune delle cause del perdurare di questa situazione negativa. Esistono svariati e variegati problemi collegati alla crisi economica, ma in primis dobbiamo ricordare che ancora non è ripartita la spesa collegata agli investimenti; ciò non è avvenuto neanche nei settori economici trainanti.

In un contesto di incertezza generale, la sfida per il 2017 deve essere rappresentata dallo spostamento dagli strumenti anticrisi agli strumenti utili a far ripartire gli investimenti e per farlo occorrono incentivi e misure ad hoc; il messaggio arriva forte e chiaro anche dalla Legge di Stabilità, approvata la scorsa settimana alla Camera e adesso al Senato per l’approvazione finale, dove le agevolazioni per le imprese sono un elemento fondamentale.

Sia sul decreto fiscale, sia sul DDL Bilancio il giudizio è largamente positivo perché una volta tanto si sono messe sul serio le Imprese al centro della Politica Economica del paese nel 2017; basta considerare che dei 27 mld. di valore complessivo della manovra, 15 mld. servono a bloccare l’aumento Iva previsto e gli altri 12 sono di fatto dedicati a stimolare gli investimenti.

Viene confermato il superammortamento del 140% per l’acquisto di beni strumentali ed introdotto l’iper ammortamento del 250% per gli investimenti nel digitale. E’, inoltre, prevista la proroga della cosiddetta “Nuova Sabatini”, nonché misure in sostegno alle start up innovative. Degno di nota, l’innalzamento al 50% del credito d’imposta concesso alle imprese che investono in ricerca e sviluppo ed il blocco della tassazione locale anche per il prossimo anno. Sale, inoltre, al 30% la detrazione IRPEF sugli investimenti nel capitale di startup e PMI innovative dal 2017.

Per le nostre Imprese, oltre alle misure a sostegno degli investimenti, sono interessanti i punti inerenti alla riorganizzazione del sistema tributario e fiscale; misure che hanno l’obiettivo di rendere l’intero settore più equo, trasparente ed orientato alla crescita economica. Su questo argomento i principali cambiamenti riguarderanno gli studi di settore e la riorganizzazione/rottamazione di Equitalia.

Si ha un trasformazione degli studi di settore, da strumenti di accertamento dei contribuenti a ‘Indicatori di fedeltà fiscale’. Confesercenti, da tempo, ha chiesto il superamento degli studi di settore come mero strumento di accertamento; ciò con l’obiettivo di garantire agli imprenditori, e ad i contribuenti in generale, di accedere al regime premiale. Ed è proprio quest’ultimo, che dovrà essere rafforzato attraverso un nuovo sistema di tassazione che punti a premiare l’efficienza e la fedeltà fiscale creando in questo modo, un sistema di incentivi volto a stimolare i contribuenti ad accrescere la loro capacità produttiva al fine di abbassare la tassazione media sul reddito da loro prodotto.

Negli ultimi giorni si è parlato a lungo della trasformazione di Equitalia a seguito di quanto previsto dalla Legge di Stabilità 2017; si prevede una sua ‘eliminazione’, in favore della riscossione diretta da parte dell’Agenzia delle Entrate e della Riscossione. Una vera e propria rivoluzione dei ruoli. Saranno rottamabili tutte le cartelle, e non si pagheranno sanzioni e interessi. Le multe sono incluse ma in questo caso vengono ‘scontati’ solo gli interessi. Il pagamento sarà in rate, fino ad un massimo di 5; ed il 70% delle somme dovute dovrà essere versato il prossimo anno, il restante nel 2018. I contribuenti avranno tempo fino al 31 marzo 2017 per presentare la domanda di rottamazione e la comunicazione di Equitalia che conterrà l’indicazione delle somme da versare sarà recapitata entro la fine di maggio 2017.

Auspichiamo che con le misure previste dalla Legge di Stabilità vi sia una ripartenza degli investimenti ed una maggior respiro per le nostre imprese, che rappresentano il tessuto economico, sociale e culturale del nostro territorio; un patrimonio da salvaguardare e, soprattutto, sviluppare.

Stiamo lavorando poi perché anche il Turismo diventi un elemento strategico nelle scelte del Paese, lo è per Firenze, lo è per la Toscana e vorremmo che la stessa consapevolezza arrivasse fino a livello nazionale; Non ci sono misure specifiche a sostegno del Turismo e sappiamo bene che un paese riparte se ripartono tutti i sistemi fondamentali sui quali si basa, ma sappiamo anche che il Turismo, che è uno di questi è anche l’unico settore con ancora potenzialità clamorose ed inesplorate.

L’intero Paese ripartirà quando le imprese torneranno ad investire e per fare questo è necessario l’intervento della politica che ha il compito di fornire gli strumenti affinché questo accada, ma tocca a noi essere interpreti dei bisogni veri delle imprese e dei territori e a questo compito non possiamo ne vogliamo rinunciare.

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.