Insicurezza dei cittadini e disagio sociale i punti deboli

Qualità della vita 2016: Firenze crolla al 48° posto dal 26° del 2015. Maluccio anche le altre toscane, tranne Siena

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Politica, Top News

Stampa Stampa
tabella

La Classifica generale della qualità della vita 2016 nelle città

MILANO – Le classifiche di fine d’anno sulla qualità della vita nelle varie città e province d’Italia provocano ogni anno accese polemiche politiche e campanilistiche. Il primo giornale che annualmente le redige tradizionalmente è ItaliaOggi, mentre chiude l’anno Il Sole 24 Ore. Appunto ItaliaOggi ha pubblicato i suoi verdetti, e noi ci limitiamo all’esame e alla valutazione delle province toscane sia per la posizione generale, sia per quelle specifiche nei vari settori esaminati.

GENERALE – Complessivamente la Toscana piazza 8 province su 10 nella parte sinistra della graduatoria, ma la cattiva notizia è il peggioramento di metà delle città e il vero e proprio crollo di Firenze che perde addirittura 22 posizioni. Brilla invece Siena che si piazza al 5° posto, salendo dall’11° del 2015. Segue Grosseto al 30° posto (33 nel 2015). Arezzo è al 41° posto, ma perde posizioni rispetto al 38° del 2015. Pistoia migliora di poco, al 42° posto dal 46°. Anche Pisa scende al 45° dal 41° che aveva. Il salto del gambero peggiore lo fa però il capoluogo regionale, Firenze che precipita al 48° posto dal 26°. Evidentemente l’amministrazione Renzi-Nardella non ha portato benefici, anzi. Lucca invece fa un eccezionale balzo in avanti saltando al 50° dal 102° posto, scalando addirittura una metà della classifica. Peggiora invece Livorno che passa al 52° dal 40° posto. Prato scende al 68° dal 57°. Massa invece, pur restando nel basso della classifica, migliora situandosi all’83° posto rispetto al 97°.

AFFARI E LAVORO – In questo settore la Toscana si comporta bene con Firenze che sale al 4° posto dall’8°, Siena al 12° dal 19°, Grosseto al 20° dal 23°. Pisa scende al 31° dal 24°, Arezzo al 36° dal 29°. Anche qui Lucca scala posizioni piazzandosi al 38° posto rispetto al 71° dell’anno scorso. Livorno scende al 44° dal 38°, Pistoia sale al 46° dal 54°, Massa al 49° dal 63°, Prato scende al 59° dal 43°.

CRIMINALITA – Arrivano le dolenti note perché in questo settore certo la Toscana non è messa benissimo. Ancora una volta si distingue Siena, che fa un bel balzo in avanti passando al 30° posto dal 68°. Seguono, a distanza, Arezzo che passa al 62° posto dal 72°, Grosseto, al 69° dall’84°. Pistoia peggiora vertiginosamente scandendo all’ 80° dal 48° posto. Restano più o meno nella stessa posizione, nella parte molto bassa della classifica, le altre province toscane: Livorno all’85° dall’86°; Lucca all’88° dal 90°; Pisa al 94° dal 95°; Firenze al 96° dal 93°; Prato al 103° dal 105°. Nelle ultime 30 posizioni perciò ci sono pertanto ben 6 province toscane, un record veramente spiacevole.

DISAGIO SOCIALE – Qui ci sono differenze fra le varie zone,ma la situazione, in tempo di crisi, è preoccupante ovunque, con tutte le città che fanno il passo del gambero, tranne poche. Firenze si piazza al 22° dal 28° posto. Grosseto al 28° dal 12°. Pistoia al 44° dal 70°. Prato al 47° dal 46°. Pisa al 64° dal 78°. Siena al 77° dal 51°. Arezzo all’85° dal 73°. Livorno crolla all’86° dal 29°. Lucca passa al 100° dal 110°. Massa resta al 107°.

SALUTE – Per il sistema salute piazziamo due province nei primi cinque posti. Pisa però scende al 2° posto, dal 1° del 2015, e Siena resta al 3° posto. Per trovare un’altra toscana bisogna scendere al 24° di Firenze (dal 13° del 2015). Grosseto sale al 28° dal 54°. Lucca al 36° dal 50°. Massa scende al 43° dal 32°. Arezzo sale al 45° dall’82°. Livorno al 65° dal 90°. Prato al 94° dal 101°. Pistoia scende al 101° dall’86°. In questa graduatoria forse non si è tenuto conto dei tanti casi di meningite che la regione Toscana non riesce a frenare, fatore che getta un’ombra negativa nella nostra sanità, che peraltro resta eccellente.

TEMPO LIBERO – La Toscana naturalmente eccelle nella classifica del tempo libero, che tiene conto degli spettacoli e delle manifestazioni culturali. Ben 8 province sono nelle prime 20 posizioni della classifica, un dominio quasi assoluto a livello nazionale. Prima assoluta è Siena, che conferma la posizione. Grosseto al 4° posto migliora rispetto al 9°. Firenze sale al 6° dal 7° posto. Lucca al 10° dall’11°. Pisa è 13° dal 12°. Pistoia al 15° dal 19°. Arezzo 16° da 17°. Livorno al 20° dal 14°. Massa al 25° dal 27°. Prato 53° da 52°.

Tag:, , , ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.