Parola d'ordine per il 2018: leggerezza

Firenze: «Pitti filati», alla Fortezza da Basso. Fino al 27 gennaio

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

FIRENZE – Da oggi al  27 gennaio c’è «Pitti filati» alla Fortezza da Basso. Leggerezza è la parola chiave delle collezione di filati per maglieria per l’estate 2018. I filati, vaporosi o compatti, sono sempre leggerissimi: cashmere, merino, seta e cotone sono interpretati dalle aziende in titoli sempre più fini e presentati con effetti diversi, dai volumi estremi e con una soffice consistenza. La leggerezza è la chiave di lettura anche dei filati più grossi, che vengono presentati imbottiti. Tra gli effetti scelti trionfano tridimensione, trafori e strutture mosse. Il cotone trasparente – a volte impalpabile – si presta alla sovrapposizione e alle lavorazioni con il  pizzo; mentre sottili stretch duttili e accoglienti (come una seconda pelle) sono in cotone o in viscosa, misti a seta e cotone.

Da Cariaggi un’esplosione di colori esalta ai massimi livelli l’impalpabilità delle fibre più preziose, mentre Accademia I grandi filati italiani usa trasparenze e sovrapposizioni. Per le collezioni da sera  trionfano i giochi di luce e gli aspetti quasi virtuali, frutto di una nuova creatività dall’anima tecnologica. Ecco allora bagliori di lurex su viscosa, paillettes su cotone o viscosa lucida, micro nodini simili a cristalli puri su viscosa. È un tripudio di sofisticati effetti lucidi, bagliori di lamé, spalmature, catenelle, microscopiche armature, patinature metalliche. Tra le aziende, nelle collezioni per il giorno e per la sera, è sempre alto il livello di sperimentazione: luminose micro fantasie ricche di colori metallici e stampe degradé e multicolor si contrappongono a filati naturali come lino e cotone, resi briosi da intrecci brillanti con viscosa e poliammide e da colori intensi con nuove fantasie di stampa. Ed è pura arte 2.0 quella
del progetto di Shima Seiki Italia, Epson Italia e Pantone con Tollegno 1900 per promuovere il connubio tra filati, colore e tecnologia.

Uno solo l’obiettivo: avere un’anteprima del filato scelto nel colore e con la lavorazione preferita per poterne comprenderne la resa cromatica ed estetica. Con Customize Your Yarn è possibile. Nello stand Tollegno 1900 su alcuni sistemi di disegno per l”abbigliamento di Shima Seiki sono caricate le cartelle con le tonalità Trends della Total collection di Tollegno connesse ad analoghe famiglie-colore proposte da Pantone. È sufficiente selezionare un filato, una lavorazione e una tinta per poter vedere il risultato finale della propria scelta.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.