Nuovo espediente per farsi aprire la porta

Truffe anziani: canone Rai, finti tecnici bussano alla porta per verificare il pagamento. Non aprite

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

ROMA – C’è una nuova truffa a cui fare attenzione e questa volta riguarda i rimborsi del canone Rai. Finti tecnici Rai bussano alla porta delle vittime selezionate, soprattutto anziani, spiegando di essere stati incaricati della restituzione del canone Rai pagato e non dovuto o versato in eccesso o ancora pagato due volte. Prima di effettuare il rimborso però i finti tecnici chiedono di verificare i bollettini del pagamento della bolletta della luce che include il canone. Ovviamente si tratta di una truffa segnalata soprattutto nel Nord Italia, in particolare nella provincia di Pavia dove i sindaci hanno invitato i cittadini a «non aprire la porta a chi chiede di verificare i bollettini del canone Rai». I tecnici chiedono di verificare la bolletta della luce e giustificano il rimborso o come canone non dovuto, o come pagato doppiamente. Ovviamente lo scopo della truffa è di avere libero accesso al domicilio della vittima prescelta, che crede nella buona fede dei tecnici.

L’invito delle forze dell’ordine è prima di tutto di non fare entrare nessuno nella propria abitazione e di fare immediata segnalazione del tentativo di truffa in modo da poter individuare le zone di azione dei truffatori. Perché, sottolineano i Carabinieri, “resta fondamentale la prevenzione”. E resta fondamentale tenere alta l’attenzione, procedere a segnalazioni di persone o situazioni che risultano anomale, allertare immediatamente le forze dell’ordine.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.