La grande opera procede spedita anche dal lato italiano

Alta Velocità: la talpa Gea (linea AV Torino – Lione) è arrivata a scavare in Francia. Forati quasi 7 km

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

TORINO – Nonostante gli assalti notturni ai cantieri, la pressione di Not Tav, i processi, le condanne o le assoluzioni, con la protezione del cantiere di Chiomonte da parte delle Forze dell’ordine, Gea, la fresa che sta realizzando il tunnel geognostico della Maddalena, ha superato il confine entrando in territorio francese.

Lo annuncia Telt, la società italo-francese incaricata dello scavo e della gestione della tratta internazionale. La distanza percorsa dalla TBM (Tunnel boring machine) è di 6912 metri sui 7500 previsti. Lo scavo nel massiccio dell’Ambin è già da dicembre sotto la massima copertura, oltre duemila metri sotto la montagna, nel punto più profondo dell’intero tunnel di base del Moncenisio.

Secondo Telt «i lavori di scavo procedono agevolmente e si avviano alla conclusione». Una volta completata, la galleria servirà come accesso al cantiere del tunnel da 57,5 km, quando questo entrerà in funzione nel 2029, come condotto di ventilazione, manutenzione e passaggio di sicurezza.

Tag:, , ,

Camillo Cipriani

Camillo Cipriani

redazione@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.