Nessun accesso abusivo alle banche dati

Firenze: l’ex procuratore generale Deidda assolto anche in appello. Non rivelò segreti

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

FIRENZE – L’ex procuratore generale di Firenze, Beniamino Deidda, imputato di aver rivelato segreti di ufficio e di accesso abusivo al sistema informatico, è stato assolo anche in secondo grado dalla Corte d’Appello. La sentenza è del pomeriggio. Confermata dai giudici di secondo grado anche l’assoluzione per i co-imputati di Deidda, accusati per gli stessi fatti, il dirigente della Asl 10 di Firenze, Giuseppe Petrioli, e l’ex assistente di Deidda, Monica Dilaghi.

Deidda,  in pensione da fine 2012, in primo grado venne processato con rito abbreviato e fu assolto. Ma secondo le accuse ribadite anche oggi, 3 febbraio, dalla procura generale davanti alla corte di appello (che aveva chiesto una condanna a 8 mesi), Deidda nel 2015 avrebbe chiesto alla sua ex segretaria di verificare sul registro delle notizie di reato l’esistenza di un’indagine a carico di Petrioli, il quale a sua volta lo aveva contattato per sincerarsi di questo. Petrioli, per sapere se caso mai fosse indagato, si era attivato con Deidda – i due si conoscevano da tempo – dopo che il Nas dei carabinieri aveva sequestrato documenti in vari uffici della Asl 10 di Firenze per un’inchiesta sulla pubblica amministrazione.

La difesa di Deidda, con gli avvocati Tullio Padovani, Valerio Onida e Roberto D’Ippolito, ha ribadito che l’ex pg
quando contattò la sua ex segretaria per la verifica riteneva che ormai l’indagine non fosse più coperta da segreto, avendo i carabinieri esibito un provvedimento di sequestro in vari uffici dell’Asl. La difesa ha pure sottolineato che non ci fu accesso abusivo alle banche dati poiché la ex assistente agì come dipendente del ministero della Giustizia fornita di regolare password. Mentre la normativa è pensata contro gli hacker, cioè contro chi dall”esterno, senza esserne legittimato, entra nei sistemi informatici.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.