Le dichiarazioni del Sindaco

Nardella: attuare subito il patto con l’Islam fiorentino. Villa Basilewsky non è adatta come moschea

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica, Top News

Stampa Stampa

FIRENZE – «Qualche giorno fa è stato firmato a Roma il patto di cittadinanza per il modello italiano dei rapporti con l’islam. Io chiedo alla comunità musulmana di attuare subito a Firenze il patto: e questo vuole dire, pregare in italiano, sermoni in italiano, trasparenza dei centri di preghiera e di tutti gli imam con nomi cognomi indirizzi, reperibilità per tutti loro e apertura alla città». Lo ha detto oggi il sindaco Dario Nardella. «Quando i centri di preghiera sono chiusi, non controllabili e tenuti in condizioni complicate come in sottoscala e garage, questo è un problema non solo per musulmani ma per tutta la città – ha aggiunto il sindaco – perchè ciò comporta un potenziale rischio per tutti. Per questo ho già proposto all’imam di Firenze di andare nel più grande centro di preghiera della nostra città a parlare di costituzione e legalità. In italiano, per chi vorrà esserci».

MOSCHEA – Quanto alla moschea il Sindaco afferma: «Villa Basilewski? Non credo che abbia le caratteristiche idonee ad ospitare una moschea. Questo per vari motivi, incluso il fatto che siamo in un’area con grandi flussi di traffico, assolutamente inadeguata ad ospitare anche flussi così rilevanti di persone. Noi siamo disponibili a valutare tante altre ipotesi, ma – ha ribadito – a nostro avviso, da un esame che abbiamo fatto, Villa Basilewsky non ha le caratteristiche giuste per una questione di impatto sulla viabilità e sul quartiere». In ogni caso, ha poi tenuto a sottolineare il sindaco, non appena la Comunità islamica sarà pronta, noi saremo altrettanto pronti a consentire la realizzazione di un centro di preghiera. Pregare è un diritto sacrosanto e va garantito.

 

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.