Con il museo e la scuola delle arti dello spettacolo

Franco Zeffirelli compie 94 anni. E ha fissato per Il 30 giugno l’inaugurazione, a Firenze, della sua Fondazione

di Sandro Bennucci - - Cinema, Cronaca, Cultura, il Blog di Sandro Bennucci, Spettacolo, Top News

Stampa Stampa

Franco Zeffirelli, 94 anni oggi, 12 febbraio 2017

ROMA – Franco Zeffirelli, il fiorentino più illustre, compie 94 anni oggi, 12 febbraio 2017. Lo festeggeranno una cinquantina di amici, a pranzo, nella villa romana sull’Appia Antica. Amici di antica data ma fedelissimi. Nell’elenco degli invitati spiccano Carla Fracci, le gemelle Alice ed Ellen Kessler, Piero Tosi, Amy De Sica. In mezzo alla sala troneggerà una grande torta piena zeppa di candeline. A soffiarci sopra il Maestro, ma ma anche tre o quattro amici nati in febbraio, nel segno dell’Acquario come Zeffirelli. Che nel momento di esprimere il desiderio rivela che non avrà dubbi: poter inaugurare, il 30 giugno prossimo, a Firenze, la sua Fondazione, con il museo capace di accogliere scenografie e pezzi pregiati di 70 anni di lavoro,  eppoi la scuola delle arti dello spettacolo. Dove? Nel Palazzo di piazza San Firenze, gioiello dell’arte barocca, che fu ministero della giustizia nel periodo in cui la città fu capitale d’Italia (1865-1870), eppoi tribunale fino a qualche anno fa, quando gli uffici giudiziari vennero trasferiti nella grande ma non bellissima costruzione di Novoli, nella vecchia area Fiat.

La data del 30 giugno è stata concordata con il comune di Firenze, che ha concesso il Palazzo di piazza San Firenze per 29 anni. Al piano terreno ci sarà la scuola per registi, scenografi e artisti. Mentre il primo piano  diventerà museo: con le scenografie, i costumi, i libri, i film. Ossia tutto il patrimonio della lunghissima vita di lavoro di Franco Zeffirelli, che il ministero dei beni culturali ha stimato  in 200 milioni di euro. Non mancheranno i costumi  indossati da Maria Callas e, quelli più recenti ma sempre di gran fascino, che fece mettere agli attori del film «Un thè con Mussolini», cioè la storia della sua fanciullezza, nella Firenze dominata dal fascismo eppoi squassata dal passaggio della guerra. Che lui a suo modo combattè facendo l’interprete a un reggimento di scozzesi.

A 94 anni, la voglia di fare genera il miracolo: Zeffirelli, nonostante la sedia a rotelle, a 94 anni sembra aver bevuto  il filtro dell’eterna giovinezza. Non passa giorno che, anche nella sua villa sull’Appia Antica, non s’immerga nella planimetria del Palazzo di San Firenze per correggere, ritoccare e impartire ordini per la sua nuova e definitiva creatura: la Fondazione che sta nascendo a Firenze. Una Fondazione passata attraverso mille problemi prima di prendere i contorni di oggi. Non era nemmeno sicuro che la sede fosse Firenze. Cominciai a scrivere questa storia nel 2010, su La Nazione.  Zeffirelli aveva offerte da tutto il mondo: New York, Parigi, perfino Mosca e, in Italia, Roma. Ma lui voleva Firenze. E io, attraverso il mio vecchio giornale, feci da collegamento fra lui e Palazzo Vecchio per riannodare un filo che sembrva irrimediabilmente tagliato. Per ricucire il dialogo, devo ammetterlo, ci mise del suo Matteo Renzi. Che mi scrisse una letrtera aperta da pubblicare su La Nazione in cui si pregava Zeffirelli a considerare l’offerta fiorentina. E’ una storia che andrà riscritta, magari prima del fatidico taglio del nastro. Che Franco Zeffirelli aspetta con ansia, mentre spenge le candeline del suo novantaquattresimo compleanno.

 

 

 

 

Tag:, , ,

Sandro Bennucci

Sandro Bennucci

Direttore del Firenze Post
sandro.bennucci@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.