Difficile il nodo della scuola

Pubblico impiego: fumata nera nell’incontro governo – sindacati

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa

ROMA – Niente di fatto, per ora, nell’incontro Governo – sindacati in tema di pubblico impiego e contratto degli statali. La riunione è stata sospesa, sembra per divergenze nette su alcuni punti, e rimandata nella serata di ieri.

Durante l’incontro infatti le organizzazioni dei lavoratori avrebbero posto ai tecnici del ministero della Funzione Pubblica, una serie di questioni sulle quali è stato deciso di prendere tempo per degli approfondimenti. Il tema principale riguarda il rapporto tra il contratto e le norme di legge. I sindacati, citando l’intesa sul rinnovo del contratto sottoscritta con il governo il 30 novembre dello scorso anno, hanno sottolineato come in quel testo fosse stato stabilito che le norme scritte nel contratto collettivo di lavoro devono sempre prevalere su quelle eventualmente inserite nella legge.

Il governo, invece, nelle bozze di riforma del pubblico impiego, avrebbe inserito un comma secondo cui la norma del contratto prevale su quella della legge solo se la legge stessa non indica una inderogabilità. La questione non è secondaria. Per capire la posta in gioco basta prendere in considerazione la legge sulla Buona Scuola, una delle principali riforme del governo Renzi. Nelle norme sulla buona scuola, è stata appunto inserita la clausola di inderogabilità. Il contratto del comparto, dunque, non potrebbe modificarne la disciplina. I sindacati, invece, chiedono che anche la Buona Scuola sia derogabile. Che il tema sia importante, lo dimostra la presenza al tavolo anche dei rappresentanti del ministero dell’Istruzione. Bisognerà ora attendere le decisioni del governo che dovrebbero arrivare celermente.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.