L'Unione europea ha perso la pazienza

Debiti pubblica amministrazione: la Commissione Ue inizierà una procedura d’infrazione contro l’Italia

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa

BRUXELLES – Vi ricordate la promessa di Renzi di salire a Monte Senario a piedi se i debiti della pubblica amministrazione non fossero stati saldati prima di San Matteo (21 settembre) 2014? Il priore sta ancora aspettando, come tutti i religiosi è molto paziente, ma la Ue invece si è stufata di aspettare i ritardi del nostro paese e le promesse mai realizzate del rottamatore. Infatti la Commissione, dopo due anni di tregua in cui aveva messo in stand by la procedura d’infrazione contro l’Italia, ha deciso ora di passare alla seconda fase perché, nonostante i leggeri miglioramenti registrati, il nostro resta il Paese con i tempi più lunghi tra i 28.  ha inviato quindi un parere motivato, che lascia all’Italia due mesi di tempo per rimediare, pena il deferimento alla Corte di giustizia Ue.

La Commissione Ue, oltre all’Italia, ha chiesto di agire anche a Grecia (lettera complementare di messa in mora), Spagna e Slovacchia (lettera di messa in mora) per ragioni diverse, mentre ha chiuso l”infrazione nei confronti del Portogallo. «Chiedendo agli stati membri di rispettare le regole sul ritardo dei pagamenti, proteggiamo le imprese e aiutiamo la competitività dell”Ue», ha dichiarato la commissaria al mercato interno Elzbieta Bienkowska.

Tag:, , , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.