Venerdì 17 febbraio alle 20.45

Firenze: uno spettacolo su Savonarola in Palazzo Vecchio, con scene virtuali e tridimensionali

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa

Palazzo Vecchio, a Firenze

FIRENZE – Si intitola semplicemente «Savonarola» lo spettacolo teatrale con che venerdì 17 febbraio alle 20.45 andrà in scena nella sala d’Arme di Palazzo Vecchio e che parla, naturalmente, della vita di Girolamo Savonarola.

A portare in scena lo spettacolo, realizzato con scenografie virtuali e tridimensionali, è Pietro Bartolini, direttore dell’Accademia teatrale di Firenze, con il contributo del Laboratorio di Robotica Percettiva dell’Istituto Tecip (Tecnologie della comunicazione, informazione, percezione) della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, e con la collaborazione del Comune di Firenze.

L’appuntamento rientra fra le iniziative della Festa della Toscana.

Savonarola, grande predicatore, influente in politica, è personaggio che tutt’oggi esercita un certo fascino; i giovani attori dell’Accademia Teatrale di Firenze leggono la sua biografia come parabola morale, letteraria e storica della vita dell’uomo nella sua piena attualità; si proietta in spazi indefiniti propri dei sentimenti più forti dell’uomo come la passione, la radicalità, la religiosità e la tensione al perfetto.

L’attualità di Gerolamo Savonarola è trasposta in un linguaggio moderno, per favorire la comprensione da parte delle giovani generazioni, che potranno riscoprire la figura storica di uno dei profeti più inquieti e importanti della storia italiana. Le parti recitate sono integrate dagli interventi della cantante Simona Collura. Il Centro Culturale di Teatro produttore dello spettacolo con l’organizzazione di Ludovica Sanalitro ripropone un testo scritto nel 1997 da don Vincenzo Arnone, in occasione del quinto centenario della morte del celebre frate domenicano.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.