Dovrà essere eletto il presidente

Firenze: nuovo cda dell’Opera del Duomo. Nominato dal Viminale

di Redazione - - Cronaca, Cultura, Economia

Stampa Stampa

Firenze, il nuovo museo dell’Opera del Duomo

FIRENZE – Nominato, con decreto del ministero dell’Interno, il nuovo cda dell”Opera di Santa Maria del Fiore. Del nuovo consiglio, che si insedierà il prossimo 11 marzo 2017, fanno parte: Luca Bagnoli, Flavio Galantucci (già
nel precedente consiglio), Sergio Givone, Domenico Mugnaini, Antonio Natali, Andrea Simoncini e Vincenzo Vaccaro. Ora si apre la discussione sul nuovo presidente.

Il precedente consiglio – che non poteva essere rinnovato ulteriormente per effetto della circolare del ministero che
fissa il tetto massimo in due mandati, come ricorda in una nota l’Opera del Duomo di Firenze -, è stato presieduto dall’avvocato Franco Lucchesi  e composto dai consiglieri Francesco Gurrieri (vicepresidente), mons. Marcello Caverni, Franco Gabriele, Flavio Galantucci subentrato a Mario Bini (prematuramente scomparso), Riccardo Galli e Bruno Santi. L’Opera di S.Maria del Fiore è stata fondata dalla Repubblica Fiorentina nel 1296 per sovrintendere alla costruzione della nuova Cattedrale e del suo campanile. Dal 1436, anno del completamento della cupola brunelleschiana e della consacrazione della chiesa, il compito principale dell”Opera diviene quello di conservare il complesso museale.

Nel 1777 il Battistero di San Giovanni entra a far parte del complesso museale dell”Opera e nel 1891 sarà istituito il Museo dell”Opera del Duomo. Attualmente l’Opera è soggetta, in quanto ”fabbriceria”, alla Legge Concordataria del 1929, in base alla quale è retta da un cda composto di sette membri, nominati ogni tre anni con decreto del ministro dell’Interno, che provvedono ad eleggere nel proprio seno il Presidente. Dal 1998 l’Opera si configura giuridicamente come Organizzazione non a fini di lucro (Onius, regolata da un proprio statuto che definisce tra i suoi obiettivi istituzionali la tutela, la promozione e la valorizzazione del suo patrimonio artistico”.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.