Toghe nel mirino del sindaco

Firenze, la denuncia di Nardella: «Spacciatori arrestati e subito rilasciati. Stesso copione dell’aggressione a Sara»

di Redazione - - Cronaca, Politica, Primo piano, Top News

Stampa Stampa

FIRENZE - Il sindaco, Dario Nardella, denuncia su Facebook il caso del senegalese arrestato più volte per spaccio e lesioni a pubblici ufficiali e subito rilasciato. Nardella scrive: «Ieri, martedì 28 febbraio, un 
cittadino senegalese è stato arrestato alle Cascine dopo aver fatto resistenza ai vigili urbani, poi soccorsi anche da una pattuglia di Carabinieri in azione per contrastare spaccio e occupazioni abusive. Quest'uomo è 
stato già denunciato due volte e arrestato altre due volte per spaccio, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. In entrambi i casi rilasciato subito dopo. Oggi, arrestato per la terza volta per gli stessi motivi, è 
stato nuovamente rilasciato in libertà con il solo divieto di dimora, in attesa dell'ennesimo processo». 
E Nardella continua: «Sembra lo stesso copione dell'aggressore che 3 giorni fa ha tetato di strangolare e stuprare la giovane Sara, anche lui arrestato e subito dopo rilasciato in libertà dal Giudice - commenta Nardella - 
Tutto questo è mortificante e inaccettabile per i cittadini e per una comunità che si regge sul principio dello stato di diritto. Le regole ci sono, ma evidentemente non funzionano le procedure che lerendano davvero effettive. 
Questo sistema va cambiato, altrimenti i cittadini, a partire dai più deboli e indifesi, perderanno sempre di più la fiducia nelle istituzioni e nel prossimo - conclude Nardella - Nessuno di noi mette in discussione il 
principio di accoglienza, ma la legalità è un valore inderogabile».

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.