Le interviste di Atalanta-Fiorentina

Paulo Sousa: «Abbiamo provato a vincere. La panchina? Penso al presente». Gasperini: «Rammaricati»

di Redazione - - Cronaca, Sport

Stampa Stampa

Paulo Sousa

BERGAMO – Paulo Sousa elogia la Fiorentina, nonostante lo scialbo pareggio in casa Atalanta: «La squadra ci prova sempre. Loro sono partiti fortissimo ma noi dopo pochi minuti siamo cresciuti e abbiamo creato. Ho visto due squadre che hanno cercato di vincere, è stato un bel match».

BORJA – Ancora l’allenatore viola: «Noi strategicamente pensiamo più a offendere che a difendere, volevamo portare molti giocatori nella loro metà campo e dopo i primi minuti siamo cresciuti e siamo stati superiori. Borja si è scarificato molto, è un giocatore straordinario, sempre molto attaccato a questa maglia. Sfumato definitivamente l’obiettivo europeo? Come detto dall’inizio, anche dalla società, l’obiettivo è sempre stato quello di essere competitivi, sapendo che anche altre squadre lo sarebbero state. Abbiamo perso qualche punto nel cammino ma l’obiettivo iniziale è sempre stato quello di lavorare per cercare di vincere ogni partita. Questo sarà il mese decisivo per il mio futuro? Io – conclude – sono sempre focalizzato su quello che posso controllare, quindi sugli allenamenti e sulla squadra».

GASPERINI –  «Prosegue il sogno europeo? Assolutamente sì, mancano ancora tante partite, tenere la Fiorentina
distante 10 punti è un ottimo risultato anche se i ragazzi sono rammaricati per il mancato successo. Siamo in lotta per l’Europa League e ce la giocheremo fino alla fine. E’ stata una partita equilibrata e io sono molto soddisfatto di questa gara. Siamo partiti forte, ma non siamo riusciti a sbloccarla, è mancato l’ultimo passaggio e un po’ di qualità nel fare gol ma nel complesso abbiamo fatto bene, poi la Fiorentina è una squadra importante».

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.