Protesta delle Associazioni umanitarie

Migranti: Le ONG criticano l’Europa per la stretta sull’accoglienza. Forse temono per i loro introiti

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica, Top News

Stampa Stampa

BRUXELLES – Più di 162 organizzazioni non governative di oltre 20 Stati, da Oxfam a Save the Children, da Care a International Rescue Committee (Irc), in una lettera aperta indirizzata ai leader Ue, chiedono «di condurre la risposta alle migrazioni secondo i valori e non la paura. Invece di contrastare la crescita dei populisti xenofobi, la risposta dell’Europa è stata troppo spesso una copia delle loro ricette – si legge nel documento -. Ma un approccio basato sulla deterrenza e sulla chiusura delle frontiere non può prevalere su una politica efficace a lungo termine».
Arrivati al 60mo anniversario dell’Unione europea «chiediamo di mostrare solidarietà, responsabilità, e rispetto per umanità e dignità – si spiega nella lettera -. Solo un’Europa che si schiera veramente con i propri valori può essere un leader credibile in un mondo scosso dal populismo crescente e dalle cosiddette ”verità alternative. I governi devono cambiare le loro politiche radicalmente e immediatamente» avverte il vicedirettore per le campagne di Oxfam internazionale, Natalia Alonso. «Le generazioni future si vergogneranno perché ogni anno abbiamo lasciato affogare
centinaia di bambini disperati e in fuga da guerre, povertà e persecuzioni religiose», mette in guardia il direttore di Save the children International, Ester Asin. Mentre il capo di Care International Celine Mias esorta i leader ad avere volontà politica e coraggio.
«Solo un’Europa che difende i diritti di tutti, senza eccezione, è un’Europa di cui possiamo essere fieri”, si legge
nella lettera».
Apprezzabilissime le ragioni umanitarie che spingono le organizzazioni alla difesa dei migranti, ma forse dietro la loro presa di posizione c’è anche il timore di perdere fondi collegati alle attività riguardanti l’immigrazione.

Tag:, , , , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.