Giovedì 9 marzo ore 21.15

Terranuova Bracciolini (AR): il pianista Bruno Canino apre la stagione classica all’Auditorium Le Fornaci

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa

Il Maestro Bruno Canino (foto Pietro Cinotti)

FIRENZE – Giovedì 9 marzo alle 21.15 a Terranuova Bracciolini (AR) si apre la stagione di classica all’Auditorium Le Fornaci col celebre pianista Bruno Canino.  Il musicista napoletano si esibirà insieme a Roberto Pasquini al flauto e Lorenzo Iosco al clarinetto in una serata dedicata alla grande musica romantica dell’Ottocento.

Bruno Canino, già direttore musicale della Biennale di Venezia, con Roberto Pasquini e Lorenzo Iosco, eseguirà l’Andante e Rondò op.25 di Franz Doppler per continuare con Sonata per Arpeggione di Franz Schubert (nella trascrizione per clarinetto e piano), 4 valzer postumi e Scherzo op.31 n.2 in si bemolle minore di Frédéric Chopin, Tre romanze op.94 di Robert Schumann e Tarantella op.6 di Camille Saint-Saens. A partire dalle 20 sarà allestito un aperitivo a cura di #QuasiQuasi_social cafè_ (ingresso da 10 a 1€).

Classe 1935, nel corso della sua lunga carriera Bruno Canino si è dedicato in modo particolare alla musica contemporanea, lavorando con artisti del calibro di Pierre Boulez, Luciano Berio, Karlheinz Stockhausen, György Ligeti, Bruno Maderna, Luigi Nono e Sylvano Bussotti, dei quali ha spesso eseguito opere in prima assoluta. Ha suonato sotto la direzione di Claudio Abbado, Riccardo Muti, Riccardo Chailly, Wolfgang Sawallisch, Luciano Berio e Pierre Boulez, con orchestre quali la Filarmonica della Scala, l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, la Berliner Philharmoniker, la New York Philharmonic, la Philadelphia Orchestra e l’Orchestre National de France. Accanto a lui durante la serata, due affermati musicisti aretini: Pasquini, direttore d’orchestra e docente al Conservatorio Rossini di Pesaro, e Iosco, membro dell’Hong Kong Philarmonic Orchestra.

L’evento inaugura la rassegna di classica «Musica in Scena», che continuerà l’11 marzo con il “Concerto degli insegnanti della Scuola di Musica Poggio Bracciolini” sulle note delle più belle colonne sonore Disney, mentre il 24 marzo l’Orchestra Giovanile di Arezzo porterà sul palcoscenico “Storia di Babar, il piccolo elefante”, su musiche di Francis Poulenc e testi di Jean de Brunhoff, con Samuele Boncompagni alla voce recitante. Il 31 marzo sarà la volta dell’Orchestra Filarmonica Giuseppe Verdi con “Pinocchio, storia di un burattino”, una riduzione del classico per ragazzi di Collodi. Il 14 aprile la conclusione della stagione sarà affidata a “RecitaL CanTANGO”, spettacolo che mescola in maniera innovativa opera lirica e tango con protagonisti il tenore Fabio Armiliato e il pianista Fabrizio Mocata.

«Quest’anno – spiegano gli organizzatori Letizia Bonchi e Roberto Pasquini – per la prima volta gli appuntamenti di classica all’Auditorium prendono la forma di una vera e propria rassegna con un fil rouge forte: il lato scenico e teatrale della musica. Gli insegnanti della Scuola di Musica Poggio Bracciolini porteranno sul palco suggestioni dai film d’animazione più amati, lo spettacolo dell’Orchestra Giovanile di Arezzo prevede la presenza di un attore, la Filarmonica Giuseppe Verdi rielaborerà un classico senza tempo come Pinocchio e RecitaL CanTANGO sarà arricchito da coreografie e proiezioni. Inoltre siamo felici di avere con noi due personaggi di fama internazionale: Bruno Canino e Fabio Armiliato. Nomi importanti che si affiancano a realtà locali con un ruolo fondamentale nello sviluppo culturale del territorio».

Ingresso: 10€ intero, 7€ ridotto. Per gli iscritti alla Scuola di Musica Poggio Bracciolini 7€ genitori, 1€ bambini.

Per ulteriori informazioni: www.lefornaci.org

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.