Al congresso dei diabetologi a Riccione

Diabete: bocciate le diete estreme. Vince ancora la dieta Mediterranea, assai benefica anche contro il rischio cardiovascolare

di Ernesto Giusti - - Cronaca, Cultura, Economia, Top News

Stampa Stampa
Il principe della dieta mediterranea esportato soprattutto all'estero

L’olio d’oliva, il principe della dieta mediterranea

RICCIONE -  I massimi esperti  diabetologi si sono pronunciati. Sì con riserve alla dieta vegana e a quella vegetariana; pollice verso, invece, per la paleolitica (iper proteinica) e per la dieta chetonica (quella a
bassissimo contenuto di carboidrati) che negli anni '60  ha preso piede nella terapia dell'obesità (con l'introduzione della dieta Atkins). Secondo i diabetologi non ci sono elementi scientifici di sicurezza, soprattutto
quando si tratta di pazienti diabetici o a rischio diabete.  

RISCHI - A stabilire questi principi, quasi con il crisma di una sentenza,  è un documento della SID, la società italiana di diabetologia, che a Riccione, in occasione del Congresso Nazionale Panorama Diabete, mette in guardia 
da regimi alimentari sbilanciati, soprattutto per i diabetici o per chi è a rischio. Oggi oltre il 7% degli italiani è diventato vegetariano e l'1% vegano. La dieta paleolitica continua a fare adepti e quella
chetogenica attira con la promessa di dimagrire senza sentire fame. «Le evidenze scientifiche disponibili non consentono di valutare gli effetti a lungo termine delle diete vegetariana, vegana, chetogenica e paleolitica 
sul diabete tipo 2 e le sue complicanze», sottolinea Giorgio Sesti, presidente della Società Italiana di Diabetologia Sid. 

MEDITERRANEA - Viceversa la dieta mediterranea, basata sull'introiti di alimenti ricchi di fibre provenienti da ortaggi, frutta e cereali non raffinati e povera di grassi di origine animale, è stata ampiamente studiata,
dimostrando i suoi benefici sia sul controllo del diabete sia sul rischio cardiovascolare.

Tag:, ,

Ernesto Giusti

Ernesto Giusti

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.