Si può arrestare entro 48 ore sulla base di riprese di telecamere

Sicurezza integrata: la Camera approva il ddl Minniti, introdotto l’istituto della flagranza in differita

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Politica, Top News

Stampa Stampa

ROMA – Primo sì al Decreto legge sulla sicurezza integrata, da parte dell’assemblea della Camera. I sì sono stati 230 i no 50. Il provvedimento passa ora all’esame di palazzo Madama. Il M5s si è astenuto. E’ stato ritirato dal governo l’emendamento che mirava ad introdurre il codice identificativo sulle divise della polizia, sostenuto dalla sinistra estrema. Il viceministro Filippo Bubbico, dopo diverse sollecitazioni, ha spiegato in Aula che il testo è stato ritirato per mere questioni tecniche e che sarà reintrodotto al Senato in questo decreto.

FLAGRANZA IN DIFFERITA – Importante novità inserita nel pacchetto e emendato dalla camera. Chi spacca una vetrina durante una manifestazione se identificato da telecamere potrà essere arrestato come se fosse stato colto in flagrante. Arriva – infatti – nel dl sicurezza, la flagranza in differita, quando cioè, le telecamere testimoniano un reato. Già esiste nell’ambito dei reati da stadio questa possibilità nei confronti dei tifosi. L’emendamento presentato da Fi ma sostenuto dal relatore, prevede la possibilità dell’arresto in flagranza differita (per i soli reati in cui l’arresto è obbligatorio e ciò se il reato con violenze alla persone o alle cose avvenga durante o in occasione di manifestazioni pubbliche e sia ripreso da telecamere e in immagini fotografiche e che l’identificazione avvenga non oltre il tempo necessario per arrivare alla identità del reo e comunque entro 48 ore dal fatto.

Confermate invece altre disposizioni, ecco le principali:

Riqualificazione urbana e sicurezza delle periferie Il decreto stanzia 1900 milioni per quest’anno, 3150 per il 2018 e 3500 per il 2019 e 3000 per ciascuno degli anni che vanno dal 2020 al 2032. Si punta allo sviluppo delle infrastrutture, difesa del suolo, ricerca e informatizzazione dell’amministrazione giudiziaria, eliminazione delle barriere architettoniche ecc.

Patti per l’attuazione della sicurezza urbana Sono lo strumento concreto di attuazione dei piani di intervento e sono siglati tra il prefetto e i sindaci che potranno installare sistemi di videosorveglianza le cui spese saranno però svincolate dal patto di stabilità (si ipotizza una spesa di 15 mln a partire dal 2017).

Poteri del sindaco in materia di sicurezza Il sindaco può adottare ordinanze in materia di sicurezza con particolare riferimento alla vendita degli alcolici. Gli interventi riguardano situazioni di grave incuria del territorio, ambientale o di altra natura.

Ordinanze di allontanamento Sanzione pecuniaria ( da 100 a 300 euro) in caso di violazione dei divieti di stazionamento occupazione o utilizzo di di infrastrutture di vario tipo. I provvedimenti sono nei poteri del sindaco e i proventi delle sanzioni sono destinati ad interventi di recupero del degrado urbano. Si tratta in effetti di una sorta di mini daspo.

Daspo per spacciatori Per coloro che sono condannati in via definitiva o in appello il questore può disporre il divieto di accesso nei locali pubblici o nei pubblici esercizi in cui sono stati commessi gli illeciti. Ulteriori norme sono previste per coloro che siano stati condannati in via definitiva.

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
paolo.padoin@firenzepost.it

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.