Verifiche di contratti e condizioni di lavoro

Siena, caporalato nel Chianti: perquisizioni dei carabinieri a Radda, Castellina e Castelnuovo Berardenga

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

Fuoristrada dei CarabinieriSIENA – Contro il fenomeno del caporalato, sono scesi in campo 50 carabinieri della compagnia di Poggibonsi e Radda in Chianti, del Nucleo ispettorato del lavoro di Siena con l’ausilio anche della cinofila di Firenze. Hanno effettuato perquisizioni nei comuni di Radda, Castellina e Castelnuovo Berardenga. Perquisizioni a carico di numerosi dipendenti di una cooperativa contoterzista, con sede a quanto pare in Maremma, che in questi giorni si trovano domiciliati nel Chianti senese per lavori stagionali nei campi.

Al centro delle verifiche contratti e condizioni di lavoro circa 60 lavoratori.  Si tratterebbe in massima parte di stagionali e immigrati, domiciliati in alloggi di fortuna. Al vaglio dei carabinieri ci sarebbero state anche le condizioni igienico sanitarie degli alloggi. Ma l’attenzione maggiore degli uomini dell’Arma, coadiuvati da 7 funzionari dell’ispettorato del lavoro, è stata posta sui contratti e sulle condizioni di lavoro. Le indagini sarebbero state avviate qualche mese fa. Le aziende agricole che si servivano dei lavoratori tramite contratto con la cooperativa contoterzista, sarebbero parte lesa.

Tag:,

Commenti (1)

  • roberto

    |

    Ecco a chi servono i nuovi schiavi in violazione degli articoli 2 – 3 e 36 della Costituzione. Ma anche di tutti gli altri!

    Rispondi

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.