La previsione del professor Giampiero Maracchi

Terzo aprilante 2017, quaranta giorni durante: c’è l’alta pressione (sole e tempo poco piovoso)

di Ernesto Giusti - - Cronaca, Economia, Top News

Stampa Stampa

FIRENZE – Ha già scrutato i suoi strumenti per i lettori di «Firenze Post», il professor Giampiero Maracchi, meteorologo e climatologo del Cnr, oltre che presidente dell’Accademia dei Georgofili. La sua conclusione, in vista del fatidico appuntamento del Terzo aprilante 2017, è che dovremo avere, appunto per i fatidici quaranta giorni, generalmente sole e temperature gradevoli e, sostanzialmente, un tempo meno piovoso. Il tutto sostenuto dall’alta pressione. Può darsi, spiega, che ci possano essere piogge sparse, magari fra sabato e domenica. Ma poi, appunto da lunedì 3 aprile, il tempo dovrebbe tornare buono. Per mantenersi, secondo scienza e tradizione, per i proverbiali quaranta giorni.

Giampiero Maracchi

Giampiero Maracchi

«Naturalmente – si affretta a precisare Maracchi – non devo essere preso alla lettera, nel senso che non ci si deve aspettare quaranta giorni filati di bel tempo. Non è così. Non può essere così. Ma la tendenza, questo lo posso affermare con certezza, sarà questa». Tradizione, credulità? Che cosa c’è dietro il famoso detto «Terzo aprilante, quaranta dì durante?». Per l’ennesima volta, Maracchi lo spiega: «Si tratta dell’azione della corrente, a getto. Ossia un flusso d’aria che fa il giro del pianeta, mantenendo abbastanza costante l’andamento del tempo. E sa quanto impiega questa corrente a getto a fare il giro della terra? Esattamente 40 giorni. Da qui, cioè dall’osservazione che il tempo restava costante per quattro decadi, dev’essersi maturata negli antichi la convinzione legata appunto al terzo giorno di aprile. Una convinzione che, ha avuto poi, come si è visto, il sostegno di un fondamento scientifico».

Dal Terzo aprilante, e la Pasqua alta (16 aprile) comincerà la corsa verso l’estate, con le giornate molto più lunghe anche all’introduzione dell’ora legale? Maracchi resta cauto,. giustamente. Perché le previsioni per l’estate sono ancora premature. L’augurio? Ecco, che agosto non sia troppo caldo. Motivo? Lo sapete, vero, che la Federcalcio vuiol dare il via al campionato di serie A il 13 agosto? Pallone e bollore non sarebbe il massimo.

 

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.