La gente è esasperata

Firenze: «Bullo di via Baracca» scarcerato dal Gip. La Procura ricorre. Il comune schiera i vigili urbani di quartiere

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

FIRENZE – Ma chi sei, il «Bullo di via Baracca»? Firenze scherza sul caso del giorno. Ossia la scarcerazione, decisa dal gip di Firenze, di un romeno di 38 anni, accusato d’infastidire, da tempo, abitanti e passanti di via Baracca. Ma la situazione ora rischia di degenerare. Il romeno era stato arrestato dai carabinieri alla fine della settimana scorsa anche per resistenza a pubblico ufficiale. Il gip ne ha ordinato la scarcerazione.  La procura ha deciso di agire su doppio binario: contro la decisione del gip presentando un ricorso alla Cassazione e contro la mancata convalida dell’arresto e un altro ricorso al tribunale del riesame per ottenere il carcere.

Ma intanto chi lo regge il «Bullo di via Baracca»? Il comune di Firenze, per iniziativa dell’assessore Federico Gianassi, ha deciso di aumentare la sorveglianza impiegando più vigili urbani di quartiere.  Da tempo gli abitanti di via Baracca segnalano i modi inurbani del «Bullo», anche lanciando un gruppo whatsapp per comunicarsi i suoi spostamenti e possibilmente scansarlo. L’uomo fa base in un ex negozio abbandonato della via, da dove esce infliggendo, secondo i racconti raccolti dalle forze dell’ordine, molestie ai passanti (di tenore sessuale quelle alle donne), danneggiamenti di negozi e auto in sosta con pugni e calci, richieste insistenti di soldi e altri soprusi. Il primo aprile era stato arrestato dopo l’ennesima richiesta dei cittadini esasperati. Ma nell’auto dei carabinieri che lo portava in caserma, ha dato una testata a un militare, ferendolo. E’ stato arrestato, ma il gip poi lo ha rimesso in libertà perché contro di lui non ci sarebbero denunce circostanziate di tutti gli episodi di cui lo accusa la gente del quartiere, ma solo l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale, che da sola non è sufficiente a tenerlo in carcere.

Tag:, , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.