Recite serali il 5, 6 e 7 aprile

Opera di Firenze: in scena «La Piramide di luce» di Venti Lucenti

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura

Stampa Stampa

La scena dello spettacolo «La piramide di luce»

FIRENZE – L’ultimo spettacolo del cartellone invernale dell’Opera di Firenze è «La Piramide di luce» di Venti Lucenti. Tratto dal «Flauto magico», lo spettacolo condensa il capolavoro di Mozart in un’ora e mezzo, con i dialoghi in italiano e l’aggiunta di una voce narrante.

Pensato per i ragazzi, diverte anche gli adulti. Ad affiancare la compagnia specializzata Venti Lucenti ci sono i giovani cantanti usciti dall’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino.L’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino è diretta da Giuseppe La Malfa.

Tamino, fra serpenti, mostri, foreste incantante e prove da superare, cerca la sua strada, la sua vita futura, la donna da amare, Pamina. Ma non è finita. Nell’intricata storia ci sono anche una Regina della notte che terrorizza persino il buio e un Signore della luce che non è quello che sembra. Acqua, fuoco, silenzio, lucchetti, personaggi piumati bugiardi e strampalati, porte, vento, uccelli, pesci, risate e carillon.

Opera di Firenze (Piazzale Vittorio Gui)

Mercoledì 5, giovedì 6 e venerdì 7 aprile, ore 20
Rappresentazioni per le scuole: giovedì 6 e venerdì 7 aprile, ore 10

«La piramide di luce», dall’opera «Il flauto magico» di Wolfgang Amadeus Mozart. Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino diretta da Giuseppe La Malfa. Maestro del coro Ennio Clari. Regia e scrittura scenica Manu Lalli. Scene Daniele Leone, costumi Daniele Leone e Cecilia Russo, movimenti scenici Chiara Casalbuoni

Sarastro: Chanyoung Lee, Tamino: Manuel Amati, Pamina: Dioklea Hoxha, La Regina della Notte: Eleonora Bellocci,
Papageno: Tommaso Barea.
Attori: Il narratore: Daniele Bacci, Monostato: Stefano Mascalchi, Due Sacerdoti: Leonardo Mappa, Gianni Mini,
Le Dame: Maria Vittoria Marchese, Eleonora Fantechi, Norma Mascalchi, Papagena: Cecilia Russo.
Biglietti da 5 a 15 euro (pochi posti rimasti) in vendita anche online sul sito dell’Opera di Firenze

 

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.