La polizia sta cercando di identificarlo

Firenze: in bici nel sottopasso Don Minzoni-Cure, prende a pugni un 50enne che lo rimprovera. Poi scappa

di Redazione - - Cronaca

Stampa Stampa

FIRENZE – L’ha mandato all’ospedale solo perché lo aveva rimproverato di essere in sella alla bicicletta nel sottopasso fra viale Don Minzoni e Le Cure. Vittima un uomo di 50 anni aggredito da un ciclista al quale aveva chiesto di scendere dalla bici perché si trovava in un sottopasso ferroviario. Per lui ferita alla testa e trauma cranico.

L’episodio, su cui indaga la polizia, è avvenuto lunedì 4 aprile, poco dopo le 19, nella rampa d’ingresso del sottopasso che collega viale don Minzoni a piazza delle Cure. Le condizioni del 50enne non sarebbero gravi, ma in via precauzionale è stato trattenuto in osservazione in ospedale. Secondo quanto ricostruito dagli agenti, l’uomo stava
camminando lungo la rampa quando si è visto passare accanto una bicicletta a forte velocità. Ha rimproverato il conducente, invitandolo a scendere dalla bici e a portarla a mano. Il ciclista, che si trovava ormai alcuni metri più avanti, è sceso dal mezzo, è tornato indietro e lo ha colpito con un pugno in faccia. Il 50enne è caduto all’indietro per il colpo, battendo violentemente la testa contro il corrimano in metallo della rampa. Poi è finito a terra con una vistosa ferita dietro la testa, dalla quale perdeva molto sangue. L’aggressore è scappato via in bicicletta.

A dare l’allarme è stato un passante. Il 50enne, rimasto sempre cosciente, è stato medicato dai sanitari del 118 e poi portato in codice giallo all’ospedale di Santa Maria Nuova. La polizia, intervenuta sul posto, è al lavoro per identificare l’aggressore.

AGGIORNAMENTO DELLE 14,25

Secondo quanto appreso da fonti sanitarie, il 50enne è stato dimesso questa mattina, 5 marzo, dall’ospedale di Santa Maria Nuova, dove ha passato la notte in osservazione per scongiurare eventuali complicazioni dovute al trauma alla testa.

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.