Nel giorno dell'inaugurazione

Black out, paura a Gardaland: decine di persone bloccate a testa in giù a 20 metri d’altezza

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

Soccorsi in azione a Gardaland: black out e paura nel giorno dell’inaugurazione

CASTELNUOVO DEL GARDA – Riapertura con brivido a Gardaland: decine di persone bloccate a testa in giù sul Sequoia adventure a venti metri  d’altezza. Colpa di un improvviso black-out elettrico.  Una famiglia israeliana di quattro persone è stata soccorsa, ma alla fine non ha voluto lasciare il parco. «Adrenalina pura», ha avuto la forza di scherzare qualcuno. Tutti gli ospiti in bilico sono stati recuperati dai tecnici; gruppi, tra cui alcune famiglie, come quella israeliana, sospese a decine di metri di altezza in attesa di soccorsi. Il tutto per fortuna senza feriti, di un
gigantesco black-out che ha colpito il parco divertimenti proprio nel giorno dell’inaugurazione.

Dopo circa un’ora di blackout le difficoltà sono rientrate. Tutte le attrazioni dell’area adrenalina si sono rimesse in funzione riaccumulando alla loro partenza le solite code. E, come detto, è rimasta rimasta all’interno del parco, decisa a proseguire comunque la giornata di vacanza, la famiglia israeliana soccorsa a oltre 20 metri d’altezza sui vagoncini di Sequoia Adventure. Dei quattro – padre, madre e due figli – solo la ragazzina, una 15enne, è riuscita a scherzare sulla brutta esperienza una volta riportata a terra dai soccorritori. I due adulti apparivano piuttosto provati. In vacanza in Italia, e con la gita a Gardaland prenotata da tempo, la famiglia ha voluto comunque proseguire la giornata nell”area
divertimenti.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.