Accolte le proposte dell'assessore Vannucci

Firenze: Ettore Bernabei avrà una strada (sotto la sede Rai). Ponti dedicati a Falcone e Borsellino

di Ernesto Giusti - - Cronaca, Cultura, Top News

Stampa Stampa

Ettore Bernabei

FIRENZE – Fu l’educatore della Rai, quello che mise le calze coprenti alle ballerine (Kessler comprese) e che non capì subito il disastro dell’alluvione del 1966 (disse a Marcello Giannini di andare a prendere un caffè in via Panzani, non capendo che era già coperta da due metri d’acqua), però Ettore Bernabei – giornalista fiorentino, componente dello stato maggiore di Amintore Fanfani e già direttore de Il Giornale del Mattino, foglio di stretta osservanza Dc morto nell’agosto 2016 – resta una pietra miliare nella storia della Radiotelevisione italiana. Per questo il comune di Firenze ha deciso di dedicare a lui la strada  la sede Rai di Firenze, oggi parte di largo Alcide De Gasperi.

Lo ha stabilito la giunta comunale di Firenze dando l’ok alla delibera presentata dall’assessore alla toponomastica, Andrea Vannucci, che parla di un altro modo per testimoniare la riconoscenza e l’affetto della città per un
grande uomo della storia italiana. Dopo il conferimento del Fiorino d’oro del 2010, anche l’intitolazione di una strada ci è sembrato un gesto doveroso per tributare il giusto omaggio a Bernabei. La giunta di Palazzo Vecchio ha poi deciso, approvando una proposta presentata sempre da Vannucci, di dedicare a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino le due diramazioni del ponte di Varlungo che arrivano rispettivamente un via Generale Dalla Chiesa e via Enrico De Nicola. «Un gesto simbolico – ha spiegato Vannucci – per contribuire, anche con la toponomastica, a mantenere sempre viva
la memoria di due eroi della lotta alla mafia».

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.