Polemiche dopo la decisione

Firenze ztl non stop, l’assessore: «La vogliono i residenti». Ipotesi: «Finestra pomeridiana per artigiani e commercianti»

di Redazione - - Cronaca, Economia, Top News

Stampa Stampa
Telecamere in Ztl

Telecamere d’accesso alla Ztl

FIRENZE – Stefano Giorgetti, assessore comunale alla mobilità, ha spiegato che la chiusura del centro non stop, dal primo giugno 2017, dal giovedì al sabato, è la risposta alle richieste dei residenti contro il parcheggio selvaggio in ztl. Giorgetti ha affermato: «Abbiamo tante richieste dei residenti: ci dicono che non trovano spazio per i parcheggi. Ricordo che la ztl è aperta per accedere, ma non per parcheggiare: quindi chi va al ristorante può entrare, lasciare le persone, ma poi deve parcheggiare fuori dalla ztl. Invece tutti parcheggiano in ztl, sui marciapiedi, nelle aree pedonali: questa è una cosa che dobbiamo iniziare ad evitare non solo con le contravvenzioni, ma anche iniziando a chiudere il centro storico».

Rispondendo ai cronisti che gli chiedevano se la sperimentazione fosse destinata a diventare permanente, Giorgetti ha risposto: «Se va bene, valuteremo». Sulle modalità di applicazione della misura (e su eventuali piccoli aggiustamenti), intanto , spiega ancora l’assessore, «abbiamo fissato anche degli incontri con le categorie economiche per esaminarle insieme. Per gli artigiani o commercianti ci potrebbe essere un orario che prevede delle finestre di apertura della ztl nel pomeriggio. Stiamo valutando, poi decideremo».

Tag:, ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.