Interessante proposta del sottosegretario Baretta

Pensioni: il governo pensa al riscatto gratis degli anni di laurea per i giovani millennials

di Camillo Cipriani - - Cronaca, Economia, Lente d'Ingrandimento, Politica

Stampa Stampa

Dal giornale online Qui Finanza riprendiamo una segnalazione interessante in tema di pensioni per i giovani, che riteniamo utile riprodurre integralmente.

«La riforma delle pensioni 2017 potrebbe prevedere una novità interessante per alcuni laureati: il riscatto della laurea ai fini pensionistici (anticipata o di vecchiaia) potrebbe presto essere gratuito.  Il sottosegretario all’Economia Baretta sta seriamente valutando l’ipotesi di rendere gratuito questo strumento in modo da garantire la continuità contributiva ai giovani nati dopo il 1980.

La proposta è quella di fiscalizzare il periodo contributivo legato agli studi universitari chiarisce Baretta, proponendo sostanzialmente di far valere gli anni universitari a fini pensionistici, soprattutto per quanto riguarda i giovani, senza però richiedere il corrispettivo, sempre molto oneroso e che ha sempre disincentivato i contribuenti a concludere l’operazione.

Oggi riscattare gli anni di laurea è una soluzione in alcuni casi inevitabile (per avere un assegno pensione dignitoso) ma anche un’operazione molto onerosa. Gli importi da versare sono molto cospicui e variano in base ad alcuni parametri tra cui gli anni da riscattare e i tempi della richiesta. Prima viene presentata la domanda, minore sarà la somma da pagare. In tutti i casi, i costi corrispondono più o meno a quelli degli interessi di un mutuo.

La ratio del riscatto della laurea gratis è quella di di agevolare l’uscita dal lavoro della generazione dei Millenials, ovvero i contribuenti nati tra il 1980 e il 2000, considerato che, tra crisi e disoccupazione, rischiano di non avere i contributi necessari a permettere di avere un futuro sereno nella vecchiaia. Con questa misura, quindi, da un lato i giovani potrebbero trovarsi ad accumulare qualche anno contributivo senza interruzioni e dall’altro le nuove generazioni potrebbero essere incentivate a laurearsi».

Si tratta effettivamente di un’iniziativa utilissima che varrebbe a facilitare il raggiungimento, diventato ormai così difficile, del traguardo della pensione per i giovani, in particolare la generazione che si definisce dei millennials. Una proposta concreta, valida e realizzabile velocemente, controllate le compatibilità economiche. Quanta differenza con le elucubrazioni difficili da realizzare del bocconiano professor Boeri.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.