In via della Mattonaia

Firenze, Università: inaugurati i nuovi spazi nel complesso di Santa Teresa

di Redazione - - Cronaca, Economia

Stampa Stampa

FIRENZE – Nuovo ingresso e nuovi spazi per la Scuola e il Dipartimento di Architettura, una parte di città che si rinnova. Sono stati inaugurati ufficialmente oggi i lavori di recupero e riqualificazione di una porzione del complesso di Santa Teresa, che ampliano e migliorano la sede universitaria già esistente in via della Mattonaia. L’intervento realizzato dall’Ateneo, sulla base del progetto di Alberto Breschi, interessa un complesso, già occupato dal carcere, poi destinato in uso all’Università alla fine degli anni Novanta, ma ancora non del tutto recuperato a questo scopo. Questo lotto di lavori, che era previsto dal piano edilizio dell’Università dal 2006, è entrato in fase esecutiva nel 2012 per concludersi l’estate scorsa.

Per chi entra dal nuovo ingresso della sede di Santa Teresa una sorpresa: una grande parete in vetro delimita e nello stesso tempo allarga un ambiente multifunzionale che mette in collegamento la parte già utilizzata con 4 nuove aule e altri locali per laboratori e uffici, creando un ampio spazio di relazione interno. Al livello più alto un eccezionale panorama di Firenze. Il complesso si dota di nuove superfici per 2.600 metri quadri interni e 465 esterni, tra cortili e chiostri.

«Anche se il recupero del complesso non è concluso – afferma il rettore Luigi Dei – questo traguardo è significativo, non solo per l’Università che così può offrire ai propri studenti spazi qualificati e razionali, ma anche per la città a cui la nuova porzione di Santa Teresa è restituita».

«Questi luoghi nuovi – sottolinea il direttore del Dipartimento di Architettura Saverio Mecca – come libri di testo contribuiranno alla formazione degli studenti che accolgono, ma si apriranno a tutti per rafforzare il dialogo tra università e città».

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.