Incontro fra ministero, istituzioni e lavoratori

Piombino: Aferpi, il ministro Calenda conferma l’invio di formale richiesta di chiarimenti all’azienda

di Redazione - - Cronaca, Economia, Politica

Stampa Stampa

LIVORNO – Si è concluso al ministero dello Sviluppo economico l’incontro previsto tra istituzioni e sindacati per fare il punto sullo stato della vertenza dello stabilimento Aferpi di Piombino (Livorno), con la presenza del ministro dello Sviluppo economico Calenda, della viceministro Bellanova, del commissario Nardi e delle organizzazioni sindacali nazionali e territoriali. Il ministro Calenda ha informato il tavolo sui contenuti della lettera di risposta ricevuta da Cevital e del fatto che verrà inviata una ulteriore lettera di risposta con la quale verranno confermati i punti già presenti nella lettera di messa in mora, e nella quale verranno richiesti il piano operativo, il piano di business e partnership.

A Cevital – fanno sapere i sindacati – verrà chiesto, pena l’avvio formale di messa in inadempienza procedurale, di mantenere un livello produttivo tale da poter confermare l’ammortizzatore sociale in essere. «Da parte nostra – spiegano i sindacati – abbiamo ribadito che un eventuale partner dovrà comunque garantire la produzione di acciaio a Piombino come previsto nell”accordo di programma». Bellanova ha poi confermato la prossima convocazione del tavolo tecnico sull’Indotto mentre il 17 maggio le segreterie nazionali di Fiom, Fim e Uilm terranno a Piombino l’assemblea dei lavoratori.

Tag:, , , , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.