Nuova svolta nella banca cooperativa

Chianti Banca: sconfitto Bini Smaghi, vince la lista Fedeltà alla cooperazione

di Paolo Padoin - - Cronaca, Economia, Top News

Stampa Stampa

FIRENZE – Il presidente di Chiantibanca Lorenzo Bini Smaghi è uscito sconfitto dalle votazioni per il nuovo cda della banca. Il 54% dei soci ha infatti scelto la lista Fedeltà alla cooperazione, più legata alla vecchia gestione di Chiantibanca.

Secondo quanto si apprende la differenza dei voti tra le due liste sarebbe di circa 400 unità. «La democrazia della cooperazione, una testa un voto, ha funzionato e la scelta è chiara». Così Lorenzo Bini Smaghi, fino ad oggi presidente di Chiantibanca, subito dopo la proclamazione ufficiale della votazione per il nuovo cda che ha visto lui e la sua lista uscire sconfitti. «Io resterò socio, lo sono da sempre – ha aggiunto – La via è comunque già tracciata. La cooperazione funziona così». Nonostante una campagna condotta all’attacco della vecchia gestione e un’illustrazione puntuale, anche in assemblea, delle pecche di quanto era stato fatto finora, nonostante diversi articoli apparsi sulla stampa tesi a valorizzare il nuovo e a denigrare il passato, i soci hanno deciso, dopo aver sperimentato la breve, nuova gestione, di tornare all’antico. Ma lo ha riconosciuto anche il finora presidente: «È la democrazia, bellezza».

VOTO – Erano 2.774 i soci di Chianti Banca presenti in proprio o per delega all’assemblea dei soci. I risultati ufficiali della votazione hanno assegnato 1.178 voti alla lista Cda Presidente Bini Smaghi e 1.519 voti alla lista Fedeltà alla Storia e alla Cooperazione. Le schede nulle sono state 38 e 21 quelle bianche. Hanno preso voti anche alcuni candidati singoli.

CANDIDATO – «C’è soddisfazione ma anche la consapevolezza del grandissimo onere e del grande senso di
responsabilità che dovremo avere». Così Fabrizio Pagliai, neo consigliere di Chianti Banca, commenta il risultato ottenuto dalla lista Fedeltà alla storia e alla cooperazione. Pagliai non vuole commentare le voci che danno in pole come nuovo presidente Cristiano Iacopozzi: «Il presidente sarà scelto nel primo Cda, già nei prossimi giorni», spiega Pagliai che respinge l’idea che oggi si sia consumato un conflitto all’interno dell’istituto. Il nome di Iacopozzi circola da qualche giorno, sicuramente da quando Gian Pietro Castaldi, inizialmente indicato come possibile presidente aveva preso le distanze da alcune dichiarazioni a lui attribuite contro Bini Smaghi.

Tag:, , ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.