L'indagine condotta dalla Guardia di Finanza

Firenze: funzionario Estar agli arresti domiciliari. Con due architetti. L’accusa: corruzione in appalti pubblici

di Redazione - - Cronaca, Economia, Politica, Top News

Stampa Stampa

FIRENZE – L’inchiesta è stata portata avanti dalla Guardia di Finanza. L’accusa è corruzione: l’indagato, finito agli arresti domiciliari, è Roberto Borchi, funzionario dell’Estar, ente di supporto tecnico amministrativo regionale per le Aziende sanitarie toscane, è finito stamani agli arresti domiciliari con l’accusa di corruzione. La stessa misura è stata disposta dal gip di Firenze Angelo Pezzuti nei confronti di due architetti, nell’ambito di un’indagine condotta dalla Guardia di Finanza di Firenze su appalti pubblici all’epoca dei fatti gestiti dall’Estav – Ente per i servizi tecnico amministrativi di area vasta -, per cui lavorava il funzionario arrestato.

Parte delle contestazioni sono collegate all’acquisto, per 17 milioni di euro dell”attuale magazzino Estar di Calenzano
(Firenze), centro di deposito e distribuzione dei farmaci destinati alle Aziende sanitarie di Firenze, Prato e Pistoia. In
particolare secondo gli inquirenti il funzionario arrestato, Roberto Borchi, in qualità di responsabile unico del
procedimento, avrebbe indotto l’amministratore della società che vendeva l”immobile e a cui carico erano i lavori di adeguamento, la Difin spa, a concedergli varie utilità tra cui l’assegnazione dell’incarico di progettazione e direzione dei lavori di ristrutturazione a un ingegnere a sua volta indagato per corruzione nella stessa inchiesta, per 250mila euro. Denaro che sarebbe stato in parte poi girato a Borchi attraverso incarichi di progettazione affidati ai due architetti finiti agli arresti domiciliari. Inoltre, l’amministratore della Difin sarebbe stato indotto a concedere l’assegnazione dei successivi lavori di ristrutturazione e pulizia, per un importo di 5 milioni di euro, al Gruppo Sei srl, società che per gli investigatori sarebbe stata amministrata di fatto da Borchi. L’appalto poi non fu eseguito dal Gruppo Sei per mancanza di garanzie bancarie. Al centro delle indagini anche altre tre gare ad evidenza pubblica relative a lavori in
altri immobili. L’indagine è estesa poi ad altre gare in cui i finanzieri avrebbero rilevato scambi di utilità sempre in relazione al funzionario.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.