Toscana: 100 dimore storiche aperte il 21 maggio in tutta la regione

di Paolo Padoin - - Cronaca, Cultura, Top News

Stampa Stampa

FIRENZE – Giardini e cortili delle dimore storiche private si aprono gratuitamente al pubblico domenica 21 maggio in Toscana. Alla settima edizione della giornata nazionale che è stata presentata questa mattina nella sede del Consiglio regionale, hanno aderito un centinaio di dimore, molte delle quali accoglieranno i cittadini per la prima volta e alcune in territori meno battuti dai flussi turistici, in particolare in Lunigiana, in Casentino, nelle Crete senesi e nella Val di Sieve.

«Vengono coinvolte molte realtà – ha detto il presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani – che rappresentano la forza della nostra regione e che solo grazie alla passione, all’amore e al senso della storia dei loro proprietari vengono custodite e mantenute. Duecento sul territorio nazionale, un centinaio in Toscana – ha aggiunto Giani – le dimore che potranno veder aperti i loro cortili e giardini, offrendo ai cittadini l’opportunità di entrare in proprietà private, tenute con la consapevolezza dell’interesse generale.

Tra le dimore aperte per la prima volta ha ricordato: palazzo e teatro Rinuccini, palazzo Tommasi e la Fondazione Michelucci a Firenze; villa Corsini-Le Mozzete nella val di Sieve; villa Graziani, il castello della Gherardesca e quello di Populonia nel livornese; tutta la zona di Fivizzano in Lunigiana con villa Giannetti, il castello dell’Aquila e quello Malaspina di Monti, il convento del Carmine; new entry nel pisano con il castello Ginori di Querceto; tutta la Val d’Orcia e le crete senesi con villa di Cosona e villa di Radi, casa dell’Abate Naldi e tutta la zona del Casentino e dell’Aretino dai castelli di Porciano, dei Conti Guidi a palazzo Niccolini e Martellini.

Quest’anno per facilitare le passeggiate e gli itinerari sul sito adsitoscananwes.info dove è consultabile l’elenco completo delle dimore storiche visitabili, è a disposizione anche una mappa interattiva.

Tag:, ,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.