Giovedì 18 maggio alle 20

Opera di Firenze: «Requiem tedesco» di Brahms con l’Orchestra e il Coro del Maggio Musicale

di Roberta Manetti - - Cronaca, Cultura, Musica

Stampa Stampa

Sir Jeffrey Tate

FIRENZE – Giovedì 18 maggio alle 20, all’Opera di Firenze, concerto con Orchestra e Coro del Maggio diretti da Sir Jeffrey Tate (sostituzione di lusso per l’indisposto Karl-Heinz Steffens): in programma il bellissimo «Ein Deutsches Requiem op. 45 per soli, coro e orchestra» di Johannes Brahms. I solisti sono il soprano
Sarah Tynan e il baritono Martin Kränzle.

Frutto di una lunga gestazione, dal 1854 al 1868, il Requiem tedesco per soprano, baritono, coro e orchestra, appartiene alla prima fase creativa di Brahms. Al 1854 risale una sonata per due pianoforti, in re minore, della quale vengono recuperati alcuni elementi; nel 1856 morì l’amico Robert Schumann e nel febbraio del 1865 la madre di Brahms, due eventi probabilmente connessi con la prima idea e con la realizzazione del Requiem. Nell’aprile del 1866 Brahms compose il terzo movimento, e durante l’estate il sesto e il settimo. Un’esecuzione limitata ai primi tre movimenti avvenne il 1° dicembre 1867, e l’esito fu pessimo; però Karl Reinthaler, maestro di cappella nel duomo di Brema, era convinto che la composizione valesse e se ne assicurò la prima esecuzione completa, che diresse il 10 aprile del 1868, il giorno del Venerdì santo, nel duomo di Brema. Questa volta fu un trionfo che contribuì a consolidare la fama di Brahms in tutta Europa. Mancava ancora il quinto movimento (quello col soprano solista), che Brahms compose dopo e che fu poi inserito nel Requiem. La versione integrale in sette movimenti fu eseguita per la prima volta al Gewandhaus di Lipsia il 18 febbraio 1969.

Il testo è costituito da passi dell’Antico e del Nuovo Testamento, selezionati e montati dallo stesso Brahms in maniera del tutto personale:

  1. Selig sind die da Leid tragen – coro – Ziemlich langsam und mit Ausdruck [Abbastanza lento e con espressione] (fa maggiore)
  2. Denn alles Fleisch es ist wie Gras – coro – Langsam, marschmässig [Lento, tempo di marcia] (si bemolle minore)
  3. Herr, lehre doch mich – baritono e coro – Andante moderato (re minore). Fuga (re maggiore)
  4. Wie lieblich sind deine Wohungen – coro – Mässig bewegt [Andante moderato] (mi bemolle maggiore)
  5. Ihr habt nun Traurigkeit – soprano e coro – Langsam [Lento] (sol maggiore)
  6. Denn wir haben hie – baritono e coro – Andante (do minore). Fuga (la minore)
  7. Selig sind die Toten – coro – Feierlich [Solenne] (fa maggiore)

Opera di Firenze (Piazzale Vittorio Gui, 1)

Giovedì 18 maggio, ore 20

Biglietti da 10 a 50 euro, anche online.

Tag:, , ,

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.