Sistema dei controlli interni: approvato il regolamento

Oggi si è svolto il Consiglio comunale a Palazzo Vecchio (Foto JoJan)
Oggi si è svolto il Consiglio comunale a Palazzo Vecchio (Foto JoJan)

FIRENZE – Si è svolto, questo pomeriggio in Consiglio comunale, il dibattito a proposito dell’approvazione del regolamento sul sistema dei controlli interni. Il documento, al termine dei vari interventi da parte dei consiglieri, ha ricevuto l’ok dell’assemblea, con 29 voti favorevoli.

Il decreto legislativo 174 del 2012 – è stato spiegato, in apertura, dal presidente del Consiglio Eugenio Giani – ridisegna l’intero sistema dei controlli interni, imponendo agli enti locali una ricognizione dell’apparato esistente e l’adozione di un apposito regolamento che ne stabilisca la strutturazione e l’organizzazione. I sistemi di controllo previsti riguardano la regolarità amministrativa e contabile, il controllo strategico, i controlli sulle società partecipate non quotate, sugli equilibri finanziari e il controllo della qualità dei servizi erogati. Più trasparenza, insomma, nella gestione dell’amministrazione comunale e la possibilità di fornire ai cittadini maggiori informazioni sull’operato del sindaco e di tutto quanto l’Ente.

“Si tratta di un argomento molto importante – ha affermato Giani – E’ certamente complesso, ma ricco di contenuto. Noi, a differenza di altri Comuni, abbiamo voluto mettere a punto un documento dettagliato, che prevede la stesura di 25 articoli: abbiamo compreso fino in fondo il peso di questo atto, che oggi andiamo ad approvare nei termini previsti”.

L’assessore Alessandro Petretto ha illustrato, nello specifico, le caratteristiche principali del regolamento ed ha espresso l’augurio che queste novità – seppur necessarie – non finscano per ingolfare il lavoro della macchina comunale. “La nuova ratio del regolamento – ha specificato invece il consigliere del Pd Massimo Fratini – è quella di avere sotto controllo non solo i risultati gestionali dell’Ente, ma anche una valutazione sul mandato del sindaco e sugli obiettivi annuali che l’amministrazione si è precedentemente data. Questo strumento permette quindi di collegare il dato economico con quello politico, riservando un’attenzione estrema al cittadino”.

Dopo il dibattito, i lavori del Consiglio sono proseguiti con la discussione di due mozioni, entrambe approvate: la prima, presentata da Giovanni Fittante, riguardava la collocazione nel centro storico di contenitori per la raccolta differenziata, mentre la seconda – formulata da Giovanni Galli e Marco Semplici – affrontava il tema della manutenzione di via Aretina. Prevista (e passata), infine, anche una risoluzione proposta dalla commissione Pace per il sostegno alla campagna Every one promossa da Save the Children.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.