Dovrebbero imitare papa Ratzinger

La sconfitta dei Presidenti

Queste elezioni, che per molti quattro mesi fa dovevano avere un esito scontato, hanno dato invece risultati sorprendenti. Gli italiani sono meno pecoroni e fessi di quanto pensino i grandi giornali asserviti ai poteri forti. I primi dati mostrano che il Pd sarebbe in vantaggio alla Camera, come previsto, ma che esisterebbe un sostanziale equilibrio fra Berlusconi e Bersani al Senato. Il successo della lista Grillo, che è andato oltre ogni aspettativa, l’alto numero di astenuti (oltre il 20%), che ha superato ogni elezione precedente, confermano quanto sia diffusa nel Paese la protesta non soltanto contro i partiti tradizionali, ma soprattutto contro la politica di eccessiva austerità, praticata dal governo Monti, sostenuto e protetto dal duo Napolitano – Merkel.

Il risultato: la coalizione Monti veleggia sotto il 10%, Casini e Fini rischiano di sparire dall’orizzonte politico, il Senato è praticamente ingovernabile, i nuovi movimenti avranno un potere di veto e influenzeranno pesantemente ogni iniziativa del parlamento e del possibile governo. Secondo la quasi unanimità dei commentatori il dato più eclatante è la protesta molto estesa contro i partiti, contro il governo tecnico, contro l’Europa. Come rileva su FirenzePost e sul suo blog Gianluca Tenti, il presidente Napolitano, invece di seguire la delicata situazione del paese a lui affidato, vola oggi tra le braccia di Angela Merkel forse anche per ricevere indicazioni utili sulle scelte politiche in merito al futuro governo. Mai decisione fu più infelice. Evidentemente è destino che i presidenti della Repubblica, alla fine del mandato (eccezion fatta per Ciampi), indulgano a decisioni incomprensibili che gettano un’ombra negativa anche sul loro comportamento precedente, generalmente positivo.

Un’altra considerazione importante si può fare su quello che viene definito comunemente il partito dei magistrati. I giudici e i pm saliti in politica hanno fatto flop, ma alcuni di loro forse torneranno nelle aule giudiziarie, non sappiamo con quale credibilità. Le lamentate, presunte ingerenze nella campagna elettorale, soprattutto in Lombardia, non hanno per fortuna sortito effetti particolari, segno che la gente è stanca della sovraesposizione mediatica delle toghe.

A questo punto, preso atto del suo fallimento, Monti dovrebbe dare le dimissioni da senatore a vita. E i ministri del governo tecnico sparire da qualsiasi orizzonte. La Fornero in questi giorni ha addirittura criticato l’azione del governo Monti, che lei in particolare, insieme al Premier e alla Cancellieri, ha contribuito ad affossare. La ministra dell’Interno, dopo aver assistito allo spettacolo del ministero ridotto a un crocevia di scandali e liti e dopo aver dimostrato l’inefficienza sua e dell’apparato anche nel gestire e diffondere i risultati elettorali, dovrebbe tornare a fare la nonna. Altro che aspirante capo dello Stato, come propone qualche velleitaria nobildonna. Sarà meglio, nell’interesse del paese.

Quale futuro augurarsi dopo il giudizio delle urne? Vista la quasi sicura ingovernabilità, è necessario che le due coalizioni tradizionali agiscano di comune accordo per contribuire al cambiamento delle regole, da tutti auspicato, per iniziare il percorso della tante volte annunciata crescita, per dare lavoro a chi l’ha perso e ai giovani in cerca di prima occupazione, per diminuire costi e invadenza della politica. Solo allora si potrà andare nuovamente alle urne, con nuove regole condivise e non adattate artatamente e solo in parte, al solo scopo di far sì che chi ha vinto solo a metà possa giungere alla vittoria completa.

elezioni 2013, Monti, napolitano


Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Comments (3)

  • Il Popolo Sovrano con il suo voto ha disegnato un nuovo scenario che tutti conosciamo. E le scelte del Popolo Sovrano si possono anzi si devono commentare, ma non discutere. E allora perché i nostri ben amati politici parlano di governabilità?anzi di ingovernabilità. Ma veramente siamo convinti che fino a ieri il Paese era governabile? Un Paese in cui chiudono tante aziende, in cui scompaiono gli artigiani, in cui il lavoro,già precario,viene a mancare, in cui i giovani non hanno un futuro vi sembra governabile? Caro Paolo quando mai nel nostro lavoro quotidiano abbiamo potuto lavorare in condizioni di tranquillità ? Ci siamo sempre dovuti arrampicare sugli specchi e prendere decisioni importanti in pochi istanti. E perché questi politici pretendono di lavorare in ambienti tranquilli con la maggioranza dietro le spalle? Credo che sia arrivata l’ora che comincino a lavorare sul serio,secondo le indicazioni del Popolo Sovrano,cercando nuove alleanze,nuove maggioranze non inciuci,come debbono fare i politici i politici veri,dimostrando il loro valore nelle situazioni difficili come questa,invece di lasciare i compiti della politica ai tecnici lavandosene le mani,novelli Pilati. Ancora non hanno capito che sono stati puniti dal Popolo Sovrano? Biagio Agnello

  • E’ incredibile, avere assistito, anche ieri, all’ennesima farsa messa in atto dai “VERGOGNOSI”, i quali, noncuranti del chiaro messaggio inviato loro, dal popolo sovrano, hanno continuato ad accapigliarsi, come nella peggiore tradizione. Ciò premesso, temo sarà molto difficile, se non impossibile, che si realizzi la “convivenza” auspicata dall’amico Paolo Padoin (peraltro, assolutamente normale, in altre “latitudini”…), ma forse, meglio così, visto che dovranno, a quel punto, scoprire le loro “carte” (false…) e, se Dio ci aiuta, uscire, definitivamente, allo scoperto, questa volta”… a mani alzate” !!

  • Caro Paolo,
    condivido la tua esamina del voto del 24 e 25 scorso. Non sono poi così sorpreso dai risultati, in quanto sin da giovedì scorso avevo previsto tutto ciò in altro blog, come risposta ad Enrico Rossi che affermava e sintetizzava questo concetto: ” ai giornalisti il giornale, ai magistrati la Magistratura, agli imprenditori l’impresa, ai comici lo spettacolo e ai politici la politica”. Niente di più sbagliato. I professionisti della politica hanno portato questo Paese alla povertà, all’indebitamento, allo spreco di risorse economiche con ruberie più o meno evidenti, chiedendo sempre sacrifici ai “soliti noti”. Oggi i “soliti noti” si sono presi una bella rivincita: il 50% degli italiani ha preferito non votare o votare il movimento 5 stelle mandando in parlamento tanti signor nessuno ed eliminando gli amici del folle tassatore ed il partito dei “togati”. Avranno capito? Penso di no, ma auspico che le dichiarazioni rilasciate nei salotti televisivi dai soliti professionisti della politica, abbiano la conseguenza logica “di voler bene all’Italia e di fare l’interesse degli italiani” prevalendo sul criterio egoistico di tutelare e garantire la propria bottega. Al Presidente Napolitano toccherà sciogliere la matassa dell’ingovernabilità …. ci riuscirà? Speriamo bene…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Firenze Post è una testata on line edita da Toscana Comunicazione srl
Registro Operatori della Comunicazione n° 23080