Saldi, in Toscana nelle prime due settimane calo delle vendite del 10%

In calo le vendite durante i saldi estivi in Toscana

FIRENZE – Le prime due settimane dei saldi estivi non hanno corrisposto alle attese degli operatori, che speravano in un grosso slancio dopo la primavera nettamente deludente per crisi e maltempo. Lo sostiene Confcommercio Toscana.

Si evidenzia circa il 10% in meno rispetto allo stesso periodo del 2012, che arrivano al 15% medio di decremento nelle province di Grosseto e di Massa, mentre gli associati Confcommercio della provincia di Pistoia registrano un andamento migliore.

Tra i capi più venduti ci sono le t-shirt, l’abbigliamento donna e bambino, le polo da uomo e i capi di fascia alta dove il risparmio è più grande. Ancora poco venduti i capi da uomo e più formali. Tra gli accessori bene scarpe, borse, sandali e running da uomo. «In questo dato che ci arriva dai territori è compreso anche l’incremento timidamente positivo rispetto al 2013 che alcuni negozi hanno registrato -afferma la presidente Federmoda Confcommercio Toscana Federica Grassini– La stagione dal punto di vista meterologico è iniziata ora, e inoltre sempre più famiglie fanno acquisti esclusivamente durante i saldi. Nonostante questi due fattori il valore medio risulta sempre negativo per cui dobbiamo riflettere sull’effetto che una rimodulazione dell’Iva avrebbe sul calo ormai drammatico dei consumi».

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.